Quantcast

Positano , 30 anni fa ci lasciava Giulio Rispoli il primo fotografo che raccontava la Città Romantica, lo ricorda Massimo Capodanno

Più informazioni su

Positano , 30 anni fa ci lasciava Giulio Rispoli il primo fotografo che raccontava la Città Romantica, lo ricorda Massimo Capodanno che con il suo blog Positano My Life ha raccontato la perla della Costiera amalfitana in immagini negli ultimi anni

I genitori di Giulio gestivano sulla Spiaggia Grande di Positano il bar Caffè Flavio Gioia, oggi Albergo e Ristorante Buca di Bacco. Un posto semplice dove si poteva fare colazione o consumare un pasto semplice, accompagnato da del buon vino. Era frequentato soprattutto dalla gente del posto, pescatori e marinai, e sporadicamente da avventurieri della Costiera Amalfitana. Negli anni della guerra Positano divenne anche un luogo di rifugio per molti artisti non graditi al regime per ragioni politiche o religiose: pittori, scrittori e scultori, come documentato dallo storico Carlo Knight, venivano qui per trovare un porto sicuro lontano dagli occhi della dittatura.

Giulio era affascinato da questi personaggi che identificarono nel caffè Flavio Gioia il loro ritrovo esclusivo. Qui legò amicizie importanti, che portò con sé per tutta la vita. Già negli anni ’50, ad esempio, conobbe John French, fotografo di fama internazionale, a cui la storia gli attribuisce la paternità della fotografia nel mondo della moda. Giulio, appassionato già da tempo dal mondo della fotografia, cominciò a esprimersi con ritratti di personaggi del posto. Le sue foto piacevano e questa passione lo portò a viaggiare e farsi conoscere con le sue immagini anche anche all’estero. Già dal dopoguerra scoprì la corrente del ‘surrealismo fotografico’, che utilizzava la tecnica del collage a tema: immagini ritagliate, assemblate e poi ritoccate con una matita molto morbida o con la china.

Intanto, a Positano i benefici della ripartenza si cominciavano a vedere e l’impresa di famiglia si sviluppò cominciando a prendere le forme attuali. Celebrità del cinema italiano e internazionale, da Vittorio De Sica a Anthony Quinn per citarne alcuni, venivano qui per trascorrere momenti di piacevole spensieratezza.

Giulio, fratello maggiore dei sei della famiglia Rispoli, prese le redini dell’azienda e con tutti loro cominciò a lavorare per costruire la Buca di Bacco.

Giulio portò grande innovazione a Positano e fu un pioniere del turismo della Costiera Amalfitana. Non abbandonò mai la sua grande passione per la fotografia e non si separò mai dalla sua amata Rolleiflex. Nel 1982 pubblicò il suo primo libro fotografico: ‘Positano, ieri ed oggi’, che fu un successo. Negli anni è stato acquistato in moltissime copie da cittadini di tutto il mondo e pubblicato in tre edizioni.

Giulio Rispoli

Per il bellissimo servizio completo clicca qui

Più informazioni su

Commenti

Translate »