Quantcast

Parcheggi d’oro a Cava de’ Tirreni: raddoppiate le tariffe

Parcheggi d’oro a Cava de’ Tirreni: raddoppiate le tariffe. Ne parla Giuseppe Ferrara in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Non è ancora stato approvato in consiglio comunale, ma già sta facendo discutere il nuovo piano sosta stilato dall’amministrazione a margine dello schema di bilancio di previsione relativo alle annualità 2020-2023. Dal documento emerge che la giunta del sindaco Vincenzo Servalli ha previsto non solo di aumentare gli stalli a pagamento ma pure le tariffe orarie, a seconda delle zone in cui si decide di parcheggiare sulla base di criteri relativi al grado di attrattività degli spazi urbani. Quello che emerge dalle linee guida e dall’atto di indirizzo del piano sosta stilato dalla giunta è una generale rimodulazione delle aree già destinate a parcheggio, con l’individuazione di ulteriori spazi e un incremento totale di posti auto che si attesta intorno al 7 per cento.

L’attuale offerta della sosta, infatti, prevede 13 aree su strada e nove parcheggi, per un totale di 3.075 posti auto, di cui 2.958 delimitati da strisce blu e 109 strisce bianche, più altri 61 stalli riservati alle persone con disabilità. Se e quando il piano sarà adottato (tutto dipende dall’esito della votazione consiliare prevista per il prossimo 30 settembre) saranno aggiunte nuove strisce blu in via Gramsci (16), via Filangieri (21), via Moro (49), via D’Acquisto (136), via Sala (15), via Ragone (34) e via Palumbo (70), mentre si andrà incontro a una riduzione dei posti sull’area del trincerone B (da 330 a 200) per consentire i lavori di realizzazione di un parco pubblico. In totale gli stalli a pagamento passeranno da 2.958 a 3.169. Ma a far discutere, in questi giorni, è soprattutto l’aumento della tariffazione oraria che va ad aggiungersi ai rincari già previsti su altri fronti (quello delle palestre su tutti, che ha già dato adito a numerose polemiche, ma anche dei servizi cimiteriali, delle mense scolastiche e dei servizi rivolti alla prima infanzia).

A quanti vorranno parcheggiare in città, infatti, saranno riservate nuove tariffe il cui aumento va dal 50% al 100%. In particolare per le aree di sosta su strada che ricadono nella zona A (più prossima al centro cittadino) la tariffa oraria passa da 1 a 2 euro, nella zona B a 1 euro e nella zona C a 75 centesimi. Aumenti previsti anche nelle zone di sosta fuori strada, i parcheggi veri e propri, che per il centro passeranno tutti a una tariffazione di 2 euro all’ora (Trincerone, piazza San Francesco, piazza Amabile e via Cuomo), 1,50 euro per quelli più decentrati (via Schreiber, Largo Mascolo ed ex Metropark), lasciando a 50 centesimi quelli più lontani come via Gramsci e l’area Mercatale. A fronte di tali disposizioni, quindi, anche gli abbonamenti subiranno variazione significative. Per i residenti, infatti, i permessi di sosta saranno modulati con una tariffazione variabile (da 50 a 300 euro annui) in base alla fascia reddituale; per i titolari di attività commerciali l’abbonamento costerà 65 euro al mese (rispetto ai 50 attualmente previsti), mentre per i dipendenti il permesso di sosta passerà da 30 a 37 euro mensili. L’obiettivo degli aumenti rientra nell’ambito delle manovre finanziarie che il Comune prevede di attuare nel tentativo di ripristinare i precari equilibri di cassa, con una previsione che mira ad incassare almeno il 50% in più dai parcheggi rispetto alle annualità precedenti in cui, secondo le stime di Palazzo di Città, le entrate medie derivanti dalle aree di sosta a pagamento sono state circa di 224mila euro annui.

Commenti

Translate »