Quantcast

“MILLEPIANI” personale di Rosario Memoli alla Pinacoteca di Positano foto

Ieri sera presso la Pinacoteca di Positano si è tenuto il vernissage della mostra “MILLEPIANI” di Rosario Memoli, curata dallo Storico dell’Arte Marco Alfano (Docente presso Liceo Classico G. B. Vico e Istituto Superiore Marini Gioia, Università degli Studi di Siena) promossa dal Comune di Positano e patrocinata da Scabec. Il Sindaco di Positano, dott. Giuseppe Guida, presentando l’evento, ha sottolineato come la sua amministrazione tiene particolarmente alla cultura, il nome di Positano deve affrancarsi dai vecchi cliché di Paese votato solo al turismo balneare, ma legare il suo nome a proposte culturali sempre più significative, lo è stato “Positano Racconta” con Nicola Lagioia e Francesco De Sanctis, lo è da quasi cinquant’anni “Positano Premia la Danza Léonide Massine”, come ha aggiunto il consigliere con delega alla Cultura Giuseppe Vespoli, lo è la rassegna “Vicoli in Arte” di Giulia Talamo e Ario Avecone. In perfetta sintonia con il Giuseppe Guida il suo vice, Margherita Di Gennaro, giovanissima ma attenta a fare proprie le dinamiche della cosa pubblica, così come sempre preziosa è la presenza di Don Danilo Mansi. Rosario Memoli, salernitano di nascita, ha un Master Event Cultural Management conseguito al Suor Orsola Benincasa, si è formato presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze e ha un Diploma in Conservazione e Restauro del “Sabatini” di Salerno. Il percorso pittorico di Rosario Memoli lo ha portato sempre più ad avvicinarsi all’Astrattismo, questa sua prima personale è il frutto di una lunga e appassionata progettazione, il critico Marco Alfano, nella bella presentazione alla mostra, cita dapprima Robert Rauschenberg, e c’è nell’opera del giovane artista di Cava dei Tirreni il voler lavorare “nel vuoto, tra arte e vita” come l’illustre americano, ma è nell’Astrattismo geometrico e nell’opera di Ellsworth Kelly (ancora citato da Alfano) che Memoli trova più spunti per delineare e sviluppare una propria interpretazione e visione artistica, le sue figure sono affascinanti, i suoi colori conquistano, come scriverebbe Achille Bonito Oliva ha la capacità come molti astrattisti di smaterializzare l’immagine reale portandola in una realtà liquida  specchio della società in cui viviamo. Abbandonando però correnti artistiche e nomi altisonanti crediamo sia giusto che sia l’artista a raccontarci il suo personale rapporto con l’arte e la creazione pittorica: “Mi interessa la potenza evocativa delle immagini e penso che nel momento dell’osservazione appartengano più a chi le guarda che a chi le fa. Sono alla ricerca di stimoli visivi che abitino la superficie, non è necessario un supporto verbale che aiuti a comprenderne il senso. Ognuno può intraprendere il suo personale rapporto senza dover risolvere alcun enigma di sorta, né cadere in esperimenti percettivi. La struttura delle immagini non è mai progettata, o legata all’esecuzione automatica: si definisce nel farsi attraverso lunghe sessioni di lavoro. Non c’è un’atmosfera, non c’è una prospettiva, non c’è un percorso visivo predefinito, non c’è la ricerca del piacere attraverso l’utilizzo di colori accordati. Un invito alla contemplazione”. Infine ci piace ricordare di Memoli allestimenti e scenografie: Pino Musi – POLYPHONIA (2021), Joan Mirò. Le forme, i sogni, il potere, Marte Mediateca Arte Eventi (2016) Marc Chagall. Segni e colori dell’anima, Marte Mediateca Arte Eventi (2015), Il Sigaro di Fuoco” by Alfonso Gatto, Dipinti per la fiction “Braccialetti Rossi” etc, queste naturalmente solo alcune delle sue realizzazioni a dimostrazione di un artista eclettico, totalmente innamorato della propria arte e pronto a condividerla. Le Pinacoteca Comunale, in via Regina Giovanna a Positano, ospiterà la mostra tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Le ventitré opere di Rosario Memoli, realizzate tra il 2006 e il 2021 (acrilico e tecnica mista) rimarranno in esposizione dal 12 settembre fino al 30 settembre. Un ringraziamento doveroso va al trio composto da  Alessandro Florio (chitarra), Saetta (sax) e De Tilla (contrabbasso) per l’elegante intrattenimento musicale.
di Luigi De Rosa

Rosario Memoli in mostra nella pinacoteca di Positano
(da sinistra il Sindaco di Positano Giuseppe Guida, l’artista Rosario Memoli, il Vicesindaco Margherita Di Gennaro)

Commenti

Translate »