Quantcast

Massa Lubrense, la Folgore costretta ad emigrare , il palazzetto di Sorrento non ha il visto di esecutività

Il progetto del palazzetto di via Roma aspetta il visto di esecutività per l’appalto dell’opera, quello di Sorrento è carente nella dotazione degli spogliatoi. Risultato? La Folgore Massa dovrà emigrare ad Agerola per l’avvio del campionato di serie A3 di pallavolo maschile, a 50 chilometri da Massa Lubrense. Un traguardo inseguito con una appassionante cavalcata alimenta da inevitabili disagi per una società che punta soprattutto sullo sport come occasione di promozione dell’immagine del territorio e della prevenzione del disagio giovanile, con una scuola di pallavolo.
I CONTATTI
La scelta di Agerola formalizzata nelle ultime ore dopo mesi frenetici di contatti e un confronto costante con la Lega Serie A di volley. I rappresentanti della massima serie hanno effettuato un sopralluogo in costiera per verificare l’agibilità e la presenza dei requisiti nelle due strutture individuate dalla società massese. È stata effettuata una prima verifica presso il Palasport di Sorrento, finora la sede che ha ospitato l’attività biancoverde. La struttura e la location, hanno raccolto i favori dei vertici federali. Due sono stati tuttavia, i rilievi mossi dalla commissione. Il primo è lo stato degli spogliatoi che necessitano di una accurata manutenzione per rendere agibili sala stampa e sala antidoping. All’interno della struttura, inoltre, è stato riscontrato un problema di altezze della struttura. Le tre travi presenti in area di gioco per sorreggere i fari sono collocate a 7,85 mt mentre è indispensabile avere almeno 8 metri di altezza su tutto il rettangolo di gara. L’amministrazione comunale di Sorrento, attraverso il sindaco Massimo Coppola, già dallo scorso mese di luglio, ha cercato di individuare una soluzione tecnica snella e perseguibile per recuperare l’altezza regolamentare e consentire il ritorno della Folgore in penisola. Nel frattempo la commissione ha ispezionato la seconda struttura individuata dalla società ad Agerola. In questo caso nessun rilievo è stato mosso, avendo questo storico palazzetto (che ha ospitato anche il ritiro della nazionale olimpica negli anni ’90!) tutti i requisiti per la serie A, incluse due tribune laterali per complessivi 500 posti di capienza. A gestire la struttura è la società Massa Lubrense Nuoto i cui rappresentanti hanno mostrato entusiasmo e disponibilità per accogliere la Folgore tra le mura agerolesi. Una ennesima difficoltà da fronteggiare, infine, legata all’iscrizione al Consorzio Lega Serie A che ha rappresentato e rappresenta una impresa per dirigenza e staff tecnico. Lo sforzo economico richiesto è enorme. Il gap tecnico per affrontare la nuova categoria è elevato. «Sono passati quasi tre mesi dalla promozione in serie A spiega il ds Fabrizio Ruggiero – a Massa Lubrense ci sono amici, imprenditori che ci stanno offrendo testimonianze importanti di supporto. Vorrei dire lo stesso delle istituzioni massesi ma stavolta ci sono solo due parole che possono descrivere quello che noi dirigenti proviamo: rabbia e delusione». Antonino Siniscalchi Il Mattino

Commenti

Translate »