Quantcast

Elezioni amministrative: calciatori e vallette, i volti noti puntano al posto in Comune

Più informazioni su

A fornirci tutti i dettagli è Francesco Malfetano del Il Mattino.it 

C’è stato un tempo in cui il trio Gregucci-Righetti-Carannante sarebbe stato considerato una difesa discreta per una squadra di Serie A.

Ora invece i tre sono sì scesi in campo, ma non per giocare la “solita” partita. Questa volta infatti sono tra i candidati consiglieri che, alle prossime elezioni del 3 e 4 ottobre, si sfideranno per Comuni e municipalità a RomaMilanoNapoliTorinoBologna. Con loro un lungo elenco di nomi tra cui, accanto a politici di lungo corso e new entry, trovano spazio non solo diversi sportivi ma anche cantanti, showman e pure un’ex miss Italia. Per le ufficialità bisognerà attendere le 12 di oggi (e qualche sorpresa potrebbe esserci), ma la carica dei volti noti c’è già.

Nella Capitale ad esempio, tra le 5 liste civiche a sostegno della sindaca uscente Virginia Raggi, trovano spazio l’ex miss Italia del 1988 Nadia Bengala, il regista e scenografo Massimo Spano e anche l’ex ministro dei Trasporti del governo Prodi Alessandro Bianchi. Ma il colpo grosso, quanto meno in termini di popolarità televisiva, l’ha fatto Enrico Michetti. Il candidato di centrodestra ha infatti assoldato l’attore e comico romano Pippo Franco, tra i più conosciuti protagonisti del Bagaglino, e anche Manuela Villa, figlia dell’indimenticato Claudio, “reuccio” della musica italiana. Con loro anche due ex giocatori di Roma e Lazio: Antonio Di Carlo, nato a Roma e giallorosso tra l’84 e l’87; e Angelo Gregucci, laziale per 7 anni e a lungo tra i collaboratori tecnici dell’attuale cittì della Nazionale Roberto Mancini.

Anche Roberto Gualtieri ha puntato su un calciatore. In lista ci sarà infatti Ubaldo Righetti, ex difensore giallorosso. Oltre ovviamente alla capolista Pd Sabrina Alfonsi (presidente del Municipio I, centro storico) e Stefano Marongiu, per qualche giorno alla ribalta sui giornali nel 2015, quando da infermiere dello Spallanzani fu premiato da Mattarella per il suo impegno a combattere l’ebola in Sierra Leone. Per quanto riguarda Carlo Calenda invece, se i volti noti scarseggiano, non lo fanno le polemiche. Come quella sul 21enne candidato Roman Pastore, finito nel tritacarne social per alcune foto con un costoso orologio.

Milano non è da meno. A sostegno del primo cittadino uscente Beppe Sala c’è infatti l’ex campione del mondo di ciclismo Gianni Bugno per sfidare le liste del candidato di centrodestra Luca Bernardo, in cui stanno dovrebbero confluire il giornalista e fondatore di Libero Vittorio Feltri, l’attrice Terri Schiavo e Antonio Genovese, capolista e unico allenatore professionista in carrozzina di calcio. Se a Bologna gli unici guizzi in termini di notorietà nazionale rispondono al nome di Mattia Santori (capo delle Sardine) e la docente universitaria Rita Monticelli (nota per essere professoressa di Patrick Zaki), entrambi a sostegno del candidato del Pd Matteo Lepore, il colpo a sorpresa è sicuramente quello ideato dal magistrato Catello Maresca a Napoli. Con lui, a sostenere le ragioni del centrodestra, ci sarà infatti Hugo Maradona, fratello del compianto Pibe de oro. Sul fronte opposto, l’ex ministro dell’università Gaetano Manfredi, ha risposto con il terzino sinistro proprio del Napoli che vinse lo scudetto, Antonio Carannante. L’ultima grande città al voto invece, dopo aver a lungo sfiorato un candidato sindaco calciatore con l’ex juventino Claudio Marchisio spesso tirato per la giacca, non ha volti noti dello sport tra i candidati. Uno dello spettacolo sì però: con il partito comunista e la candidata Greta Di Cristina (che sfiderà la 5s Valentina Sganga, Stefano Lorusso per il centrosinistra e Paolo Damilano per il centrodestra), c’è infatti Stefano Righi, che 36 anni fa, proprio in questo periodo dell’anno, costruì il suo successo. Righi infatti per il pubblico è meglio noto come Johnson, del duo musicale Righeira, quelli de “L’estate sta finendo”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »