Quantcast

Elezioni a Piano di Sorrento, Cappiello dice no al confronto pubblico

Elezioni a Piano di Sorrento, Cappiello dice no al confronto pubblico. E’ quello che ha riportato oggi Serena Pane sulla sua pagina facebook “Sorrento e Dintorni” , la Pane è a noi di Positanonews nota come attivista de “La Grande Onda” e ambientalista impegnata su più fronti, a dire il vero anche Positanonews ha lanciato un appello per interviste ai candidati sindaco della Penisola Sorrentina e Costiera amalfitana, al momento ha risposto Maurizio Cinque, candidato a Vico Equense, mentre in Costiera amalfitana sono tutti comuni con candidato unico, salvo Ravello che ha tre candidati. Sul faccia a faccia Serena ci ha preceduti, siamo sempre disponibili a farlo inviando una mail a direttore@positanonews.it nella nostra redazione o in streamyard, ma intanto questa è stata la risposta a lei che ci meraviglia visto che è una pagina social che parla di cultura e ambiente, oltre alle spiagge libere l’intervista al comandante Siragusa della Vespucci. Ripetiamo quanto abbiamo già detto questa mattina , sono tutte brave persone c’è chi si candida da qui domani si candida da là, senza prenderci in giro e prendere in giro gli elettori, basti pensare che i big Iaccarino-D’Aniello e Cappiello-Ruggiero hanno governato insieme per quasi due mandati, ecco il post di Serena Pane

Entra nel vivo la campagna elettorale a Piano di Sorrento.
A poco meno di dieci giorni dall’election day, Sorrento&dintorni ha proposto ieri ai candidati sindaco Salvatore Cappiello e Vincenzo Iaccarino un incontro pubblico all’americana per presentare il proprio programma e confrontarsi con la stampa e gli elettori. Un’occasione per “uscire dai social” e tornare a momenti di partecipazione dal vivo, come si faceva in passato, per sentire gli umori della piazza, essere vicini ai cittadini e, perché no, convincere gli indecisi.

Già ieri era arrivata la risposta affermativa di Iaccarino mentre nella mattinata di oggi è giunto il no secco di Cappiello.
“Ieri sera abbiamo avuto una lunga riunione per decidere se partecipare o meno a questo incontro.” – ha dichiarato il candidato sindaco di ForteMente Piano – “Il sentire comune è che non sia la scelta giusta. Noi ci sentiamo più forti e quindi non riteniamo di dover recuperare terreno. In genere il confronto lo propone chi sente di stare in svantaggio. Non è questo il caso in quanto la proposta è arrivata da una parte terza ma sentiamo di continuare in tranquillità il nostro cammino fatto fin qui. Non è una sottrazione nei confronti degli elettori ma vogliamo evitare momenti di tensione.”

Al di là delle strategie partitiche, riteniamo che il mancato confronto pubblico sia sicuramente un’occasione persa per gli elettori che avrebbero avuto l’opportunità di conoscere meglio candidati, liste e programmi soprattutto in questo particolare momento storico in cui non è stato organizzato alcun comizio. Un momento di dibattito e trasparenza necessario in un paese democratico. Ognuno tiri le sue somme.

Commenti

Translate »