Quantcast

Da Positano Eugenio Fucito candidato con Giovanni Ponti a Vico Equense “Una visione diversa della politica, la cultura e l’uomo al centro” INTERVISTA

Da Positano Eugenio Fucito candidato con Giovanni Ponti a Vico Equense “Una visione diversa della politica, la cultura e l’uomo al centro” Eugenio Fucito ha parenti ad Arola di Vico Equense dove trascorre molto tempo , noto in Costiera amalfitana per essere un grande appassionato di Parapendio . Ecco l’intervista esclusiva a Positanonews
Eugenio Fucito

A proposito di Ponti , che stasera farà un comizio infuocato a Moiano , ci è piaciuta la lettera di Elena Sorrentino

Riflessioni elettorali e non…

Io ho da sempre ho avuto il desiderio più o meno conscio di fuggire da Vico Equense, qualche tentativo durante l’Università, poi nel 2017 un cancro al seno mi ha fatto, tra virgolette, realizzare il mio desiderio di vivere a Roma… una città stupenda, ma croce e delizia. Il coronavirus mi ha riportato qui, mi ha costretto qui… ed è successa una cosa che non mi aspettavo.
Durante i lockdown, soprattutto quello dello scorso autunno/inverno, ho benedetto il fatto di essere reclusa a Vico Equense e non altrove. E’ stato fantastico, nelle mie lunghe passeggiate, riscoprire le bellezze naturali del mio paesello, svuotato di automobili e persone.
Un diamante Vico Equense che però da 30 anni viene sempre più umiliano e martoriato; ogni giorno Vico perde qualcosa, ve ne siete accorti che il nostro diamante oramai non offre più nulla? Niente più discoteca, cinema, bagni pubblici, fontanine, pulman di collegamento con il resto della penisola (vedi quello per Sorrento), quelli per le frazioni poi passano quando capita senza orari, strade sempre più distrutte e rattoppate qua e là alla bell e meglio… la lista è lunghissima, potrei citarne altre mille di cose che contribuiscono all’inesorabile declino del nostro paese. Per ultimo abbiamo perso il Pronto Soccorso e una città con più di 20mila abitanti che non ha un PS è una VERGOGNA!
Se a voi va bene così a me no! Perchè io dopo tante esperienze ho nuovi occhi, ho capito il motivo che mi faceva detestare Vico, e non è di certo la bellezza unica di questa terra tra mare e monti, è quell’ombra di rassegnazione che la copre come una nebbia nera e che le fa accettare tutto, che ci fa bastare la mediocrità, che fa applaudire a piccoli “favori” che in realtà sarebbero diritti per ogni cittadino di un paese civile. Basta guardare al proprio orticello, bisogna cominciare a fare il bene di tutti, della comunità!
E poi succede che li riconosci all’istante gli altri occhi che hanno la tua stessa voglia di cambiamento, di migliorare, di rispolverare il diamente Vico Equense… io li ho riconosciuti in Giovanni Ponti e in tutte le donne e gli uomini che fanno parte della nostra squadra, vergine alla politica ma con idee chiare e di valore.

Sono 30 anni che vi fanno promesse e Vico sprofonda sempre più, vogliamo finalmente dire basta alle chiacchiere e cominciare a fare sul serio?

Commenti

Translate »