Quantcast

Castellammare di Stabia: dà fuoco al SUV dell’ex moglie, ustionato e denunciato

Castellammare di Stabia: dà fuoco al SUV dell’ex moglie, ustionato e denunciato. Ce ne parla Dario Sautto in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Dà fuoco all’auto dell’ex moglie, ma il ritorno di fiamma lo investe e rimane ustionato: ferito e denunciato. Pomeriggio di follia al centro di Castellammare, dove un 56enne residente a Gragnano e con diversi precedenti alle spalle è stato protagonista di un episodio inquietante, avvenuto in via Salvador Allende. Il tutto dopo una relazione finita da anni e con gli strascichi di violenza, mascherata da gelosia, che si trascinano ancora oggi. Dopo l’ennesima discussione con l’ex moglie, che da anni vive a Castellammare ed è la compagna di un carabiniere, il 56enne ha deciso di fare un pericoloso «dispetto» alla donna. Prima si è presentato sotto casa, poi ha individuato il suv di proprietà del compagno ma utilizzato dalla donna, infine ha appiccato il fuoco alla vettura. Il ritorno di fiamma, però, ha investito in pieno il 56enne, rimasto lievemente ustionato a causa di uno scoppio. Dunque, in auto, ha raggiunto il vicino pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo, dove è tuttora ricoverato sotto osservazione. Sul posto sono giunti i poliziotti del commissariato di Castellammarea che, agli ordini della dirigente Amalia Sorrentino, hanno prima domato le fiamme grazie agli estintori e poi avviato le indagini sul caso.

I VIDEO Dopo aver ascoltato il proprietario della vettura e la compagna che utilizzava quel suv, gli investigatori hanno acquisito le immagini registrate da alcune telecamere di un impianto di videosorveglianza privato, che ha ripreso la scena e ha dato i riscontri al racconto. In poche ore, coordinati dalla Procura di Torre Annunziata, i poliziotti hanno identificato il 56enne, riuscendo a rintracciarlo in serata ancora in ospedale per le cure del caso. Per l’uomo è scattata una denuncia a piede libero per danneggiamento a seguito di incendio, atti persecutori e minaccia. Dal racconto dell’ex moglie, è emerso che discussioni per futili motivi e minacce andavano avanti da tempo, sia telefonicamente che dal vivo, con azioni spesso violente. L’ultima, appunto, domenica, quando il 56enne ha organizzato il raid contro l’ex moglie. Ieri mattina per l’uomo è arrivata la denuncia a piede libero.

Commenti

Translate »