Quantcast

Caos quotidiano sulla Statale Amalfitana, da Amalfi per Ravello e Minori micidiali bus e ora pure il traffico delle navi da crociera

Caos quotidiano sulla Statale Amalfitana, da Amalfi per Ravello e Minori micidiali bus e ora pure il traffico delle navi da crociera . Positano e Praiano riescono bene o male a defluire il traffico in questi giorni, che è comunque intenso, ma superata Amalfi verso Salerno è proprio l’inferno , Positanonews ha descritto di tutto in queste settimane, anche ambulanze bloccate nei pressi del presidio ospedaliero Costa d’ Amalfi di Castiglione di Ravello verso Atrani e verso Minori,  ecco cosa scrive Gaspare Apicella.

I residenti di Minori e delle zona circostanti sono “incazzati neri” e ce l’hanno con il Prefetto, il sindaco di Minori e quanti sono interessati alla sicurezza ed alla viabilità sulla statale 163 amalfitana.
Difatti, anche se c’è un velato ottimismo sul futuro turistico-economico della costa data l’enorme mole del traffico particolarmente dei bus turistici, non si intende sopportare ancora per molto il disagio causato dalla loro presenza. Si, perchè questi bus dopo aver scaricato i passeggeri ad Amalfi, lasciano la cittadina , perchè mal sopportati e perchè il costo del parcheggio è elevato, per portarsi, tutti insieme contemporaneamente, a Maiori da dove poi ripartono per riprendere i passeggeri e rientrare o a Sorrento o a Napoli. Micidiale se a questi bus si aggiungono quelli che dal porto di Napoli portano i turisti in giro allo sbarco dalle navi crociera.
E’ a tutti nota la precaria situazione della sede stradale dell’amalfitana, stretta, strettissima in molti punti: il blocco della circolazione è all’ordine del giorno e si protrae per ore.
Come comportarsi? Ci sono minacce di blocco della statale.
Tutti attendono seri interventi anche perchè si è costretti ad avere porte e finestre chiuse; si è costretti a gridare al posto di parlare perchè c’è un continuo strombazzare dei clacsono. Qualcuno, da incosciente, invoca il ritorno al lockdown.

Commenti

Translate »