Quantcast

Asfaltata l’antica viuzza a Ravello: le polemiche. Secondo Amalfitano: “Basta il buon senso”

Asfaltata l’antica viuzza a Ravello: le polemiche. Secondo Amalfitano: “Basta il buon senso”. La questione è stata ripresa da tutti i giornali nazionali. Riportiamo di seguito quanto scrive Salvatore Serio in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Le polemiche non hanno sortito gli effetti desiderati. Alla fine è arrivato il bitume. È stata asfaltata la caratteristica stradina dell’Annunziata a Ravello, nel cuore della Città della Musica. La viuzza che costeggia l’ingresso di Villa Rufolo, che s’estende proprio ai piedi delle due torri medievali, unendole e separandole, è stata interessata dagli interventi di rifacimento della pavimentazione. Lavori controversi, perché anziché optare per una soluzione che, a detta di molti esponenti politici ravellesi, si sarebbe rivelata di sicuro più consona alla rilevanza storica del luogo, si è provveduto al restyling della viuzza attraverso una colata d’asfalto. Si tratta di circa quaranta metri di stradina che il tempo, le piogge e l’abituale carico e scarico di materiale edile hanno portato all’usura: di qui la decisione, da parte dell’amministrazione comunale ravellese, di intervenire.

Con l’asfalto, però. A differenza di quel che è accaduto nel resto del centro storico della Città della Musica, infatti, con gli interventi che furono effettuati nel 2000 attraverso l’apposizione della pavimentazione in pietra locale, per via dell’Annunziata è stato scelto il bitume. Una decisione che ha lasciato perplessi i cittadini di Ravello in quanto questa soluzione appare abbastanza anacronistica e fuori dal contesto di una località di assoluto pregio storico e culturale. Il bitume ha lasciato pesanti segni anche sulle antiche mura. Un vero e proprio sfregio, per gli oppositori, alla bellezza di un luogo unico al mondo e che ogni anno richiama turisti da tutto il mondo.

Noi di Positanonews abbiamo sentito le parole di Secondo Amalfitano, ex sindaco ed ex direttore di Villa Rufolo, quindi la persona sicuramente più competente, che è stato lapidario: “Prima possibile rimossa al di là dei vincoli. Non serve la Soprintendenza basta il buon senso”, ci ha detto.

Asfaltata l'antica viuzza a Ravello: le polemiche

Commenti

Translate »