Quantcast

Al Flava Beach, concerto di beneficenza del gruppo ‘O Rom e Daniele Sepe

Stasera al Flava Beach di Castel Volturno serata di beneficenza con Daniele Sepe e il gruppo ‘O Rom, un concerto grazie al quale  si spera di raccogliere i fondi necessari per la realizzazione di un centro di accoglienza dove creare anche una scuola. L’appuntamento è promosso dal centro di Mugnano Thomas Sankara (presidente del Burkina Faso, assassinato il 15 ottobre 1987) e dalle associazioni Noi cittadini del mondo, Dare Futuro Onlus, Operatori Sanitari nel Mondo, Fabi, Proloco Mugnano, Unpli, Nea Polis Team, Tam Tam Basket, l’inizio del concerto è previsto per le ore 21 di oggi, giovedì 30 settembre, al Flava Beach in via Dante Alighieri a Castel Volturno. Interverranno ‘o Rom feat (Carmine D’Aniello e Carmine Guarracino) e Daniele Sepe, e tanti altri, tra musicisti e artisti, che hanno voluto contribuire alla causa, che prevede l’apertura di un centro e di una scuola che sarà intitolata al giornalista scomparso Silvestro Montanaro.
Antonio Zingarelli, anima dell’iniziativa spiega: “Silvestro Montanaro, venuto a mancare lo scorso anno, è noto per le sue inchieste approfondite e puntuali sulla camorra ed i suoi rapporti con i poteri politici ed economici. Tra le sue innumerevoli collaborazioni Paese Sera, l’Unità, il Rosso e il Nero, Tempo Reale. Tra le sue inchieste svolte in venticinque anni di carriera sempre in prima linea ha raccontato le crisi delle grandi istituzioni internazionali in quelle aree del mondo dove esiste solo morte, contrapposta alla pace“. In un suo scritto Silvestro Montanaro racconta: “Ho lavorato il sabato e la domenica, tanti Natali…Ho avuto tre volte la malaria. La prima ci stavo lasciando la pelle. Ne porterò i segni tutta la vita. Ho fatto collezione di malattie tropicali. Ho rischiato più volte la vita in quelle che si chiamano assurdamente guerre dimenticate e che invece sono semplicemente e volutamente ignorate. I lividi e le botte prese neanche le conto. Tutta roba che fa parte del mio lavoro e per la quale non ho mai chiesto all’azienda nulla in cambio. Credo sia una malattia. La voglia di raccontare, la ricerca della verità, sono la più formidabile ricompensa a qualsiasi infortunio“.

A cura di Luigi De Rosa

Generico settembre 2021
Silvestro Montanaro, giornalista (1954 – 2020)

Commenti

Translate »