Quantcast

A.N.C.R. Comune di Sanza (SA): proposto a Primo Cittadino e Consiglio comunale di conferire la cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto. foto

Più informazioni su

Infatti il Cav. N. H. Attilio De Lisa ricorda che ancora non è stata approvata all’unanimità la delibera, con tale riconoscimento postumo Sanza (Salerno) ricordando chi è morto per la Patria (come hanno già fatto all’unanimità in Provincia di Salerno i Comuni di: Giffoni Sei Casali,Polla,Petina,Buonabitacolo,Siano,ecc.).
Tutto avvenuto nel mese di Luglio 2021 dopo un accurato controllo da parte dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Federazione di Salerno nelle vesti del Presidente Sezionale Cav. N. H. Attilio De Lisa inserito di recente nello spazio associazioni comunale diocesi di Teggiano-Policastro e di quello Provinciale Prof. Antonio Landi constatando che non esiste una delibera a livello di sito per chiedere copia approvata dal Consiglio comunale come avvenuto a Giffoni sei Casale in data 30 aprile 2021. Quindi con firma congiunta e timbro provinciale tramite protocollo comunale hanno chiesto direttamente al Sindaco dottor Vittorio Esposito (per conoscenza anche del Segretario Comunale) di aderire all’iniziativa di conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto proposta dall’A.N.C.I. – L’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, su invito del Gruppo delle Medaglie d’Oro al valor Militare d’Italia e di conferire “LA CITTADINANZA ONORARIA DEL COMUNE DI SANZA (SA) AL MILITE IGNOTO”, il quale, divenendo simbolo di pace e fratellanza universale, assume un significato di altissimo valore per tutta l’umanità. Con il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, il Comune di Sanza (SA) potrà rendere omaggio a quanti hanno dato la loro vita durante i conflitti armati del Novecento, lottando per la libertà, la democrazia e per il valore della fratellanza che oggi più che mai deve essere rinnovato e promosso, soprattutto tra le nuove generazioni e in questo particolare momento. Tale attribuzione, infatti, mira ad accendere i riflettori anche sulla guerra ad un virus coronavirus covid-19 tanto invisibile quando letale, contro cui stiamo combattendo. Un virus che miete vittime al pari di un conflitto e che vede medici, infermieri come il Sottoscritto presso la Sanità Italiana ASL Salerno Regione Campania anche Cavaliere al merito della Repubblica Italiana con onorificenza ricevuta presso la Prefettura di Salerno, operatori sanitari e pazienti lottare in prima linea come in trincea. Due momenti storici lontani e diversi ma che debbono aiutarci a non dimenticare che solo l’unità, la condivisione e il rispetto del sacrificio altrui possono figurare il perfetto amalgama per il nostro Paese. In tal modo sanza (SA), così come ogni luogo d’Italia, potrà rivendicare la paternità di questo eroico Caduto senza nome, Decorato altresì di Medaglia d’Oro al Valor Militare. Anche Sanza (SA) oltretutto nella Grande Guerra ha pagato un prezzo coi suoi Caduti nei cui confronti è doveroso mantenere perenne memoria e costituirà la bese di partenza per la ricostituzione dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci – Sezione di Sanza (SA).
ln vista del 4 novembre 2021, data in cui sarà celebrato il Centenario della traslazione e della solenne tumulazione del Milite Ignoto nel sacello dell’Altare della Patria.
Ripercorrendo le tappe storiche, il 4 agosto 1921, il Parlamento approvò la Legge sulla “Sepoltura della Salma di un Soldato Ignoto ”. Una speciale Commissione di Decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare, ufficiali, sottufficiali, graduati e militari di truppa, individuò i resti di undici Soldati non identificati dai principali campi di battaglia della Grande Guerra: le undici bare furono raccolte nella Basilica di Aquileia, dove il 28 ottobre Maria Bergamas, madre di Antonio, caduto e disperso, scelse per tutte le Italiane il simbolo di un intero Popolo. La bara giunse a Roma su uno speciale convoglio ferroviario il 2 novembre, dopo avere toccato città e paesi d’Italia ed avere ricevuto il silente omaggio di tutti, senza distinzione di credo, religioso o politico.
Il 4 novembre 1921, dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri il feretro, dopo essere stato visitato da decine di migliaia di persone, fu scortato all’Altare della Patria. Portato a spalla da Decorati al Valore, Egli fu tumulato nel monumento ove tuttora il Soldato riposa, incarnazione del Valore, della Dedizione, del Sacrificio dei suoi Fratelli, Caduti con Lui per la PATRIA.
Fu così che da allora tutti gli italiani poterono identificare in quel militare sconosciuto, dapprima un familiare caduto in combattimento o disperso in guerra e successivamente tutti i Caduti per la Patria.
Spero al più presto come ribadito di persona al Sindaco Vittorio Esposito per il conferimento della cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto – Medaglia d’Oro al Valor Militare”, dichiara il Presidente Sezionale A.N.C.R. Cav. N. H. Attilio De Lisa, sia per il fatto che tutto il Consiglio Comunale deve approvare all’unanimità tale delibera ma soprattutto per il fatto che con tale riconoscimento postumo Sanza deve ricordare ed onorare coloro che hanno sacrificato la propria vita durante i conflitti armati che hanno segnato la storia della nostra Patria”.
Infine la sezione di Sanza con il Presidente Cav. N. H. Attilio De Lisa ricorda che è una delle 23 sezioni della Federazione di Salerno con il privilegio e merito di essere presente ad onorare domani domenica 12 settembre 2021 alle ore 10.00 presso l’aula consiliare di Giffoni Sei Casali il 30° congresso provinciale cspitato dai Sindaco Francesco Munno e Presidente Provinciale A.N.C.R. prof. Antonio Landi.

Più informazioni su

Commenti

Translate »