Quantcast

Vietri sul Mare e depurazione in costiera amalfitana, il sindaco: “Bisogna vantarsi, non denigrare”

Purtroppo molti parlano e scrivono solo per il gusto di andare contro il territorio facendo passare per verità notizie false. Il sindaco di Vietri sul Mare, Giovanni De Simone, si sfoga così sui social. Il tema verte sulla vicenda depurazione, che da anni scatena critiche e polemiche in tutta la costiera amalfitana da Vietri a Maiori.

Vietri è stato il primo paese della costa d’Amalfi ad avere i collegamenti per la depurazione delle acque reflue – aggiunge il sindaco –  il resto sono chiacchiere di ferragosto, il grande progetto di bonifica delle acque è partito oltre un decennio fa ed il comune di Vietri Sul Mare è stato il primo a provvedere e mettere in funzione il sistema di conferimento verso il depuratore di Salerno, per fortuna quest’anno anche Cetara e a seguire provvederanno gli altri comuni della costa, di questo bisogna vantarsi non denigrare il territorio, grazie a Daniele Benincasa per la corretta informazione data.

Ecco il post di Daniele Benincasa citato dal sindaco.

CONDOTTA SOTTOMARINA CETARA – ECCO LA VERITÀ

Nelle ultime ore, solamente al fine di confondere i cittadini per effimeri scopi politici, il gruppo Vietri Attiva diffonde un mendaceo comunicato sostenendo che Vietri è fuori dal progetto di depurazione. Ciò COSTITUISCE IL FALSO, poiché Vietri è già dotato, PRIMA di Cetara, di un impianto di sollevamento che spinge i refluì direttamente al mega depuratore che si trova alla zona industriale.

Parlo con coscienza di causa poiché sono stato uno di quelli che si è opposto insieme al Circolo PD di Vietri, tramite una petizione che ha raggiunto le 450 firme, solamente per evitare che i reflui di Cetara venissero portati negli Impianti di Vietri e pompati, insieme a quelli vietresi, presso il suddetto mega depuratore.

Dopo il nostro intervento, fu modificato il progetto facendo sì che la condotta di Cetara si collettasse direttamente ad un impianto di sollevamento posto a via ligea a Salerno con la possibilità per Vietri di collegarsi tramite un’altra condotta sottomarina.

Mi opposi solamente per tutelare il nostro territorio ed il nostro mare poiché con il progetto originario si andava a sovraccaricare il nostro impianto di sollevamento con inevitabili conseguenze negative per il nostro mare.

Mi meraviglio che oggi, chi dice di tenerci all’ambiente, possa mistificare e coartare la realtà sostenendo che il collegamento della condotta sottomarina di cetara ai nostri impianti potesse portare un giovamento al nostro territorio. Sono convinto, invece, che se veramente avessero creduto in quello che professano li avremmo dovuti trovare dalla nostra parte quando ci opponemmo alla realizzazione della condotta che da cetara portava i refluì nel nostro impianto. Come sempre però CI TROVAMMO SOLI a combattere e difendere il nostro territorio.

Commenti

Translate »