Quantcast

Torna il controllore sui bus per le norme anti Covid? La solita presa in giro , vediamo che fa la SITA in Costiera amalfitana e circumvesuviana

Torna il controllore sui bus per le norme anti Covid? La solita presa in giro , vediamo che fa la SITA in Costiera amalfitana .

L’argomento trasporti pubblici è quello più delicato, come abbiamo visto oggettivamente il rispetto delle normative anti coronavirus Covid – 19 non è stato sempre rispettato, sopratutto in questi giorni di agosto da Positano a Praiano, Amalfi , Ravello, in particolare sulla linea con Sorrento

Non solo la SITA, il problema trasporti pubblici, da inizio pandemia, è stato il motivo per cui nelle scuole è stato complicato far togliere la DAD, un tema dibattuto durante il lockdown, per il quale si sono fatti solo slogan o investiti soldi che non si sa che fine abbiano fatto.

Da Napoli a Salerno la Regione Campania aveva investito anche su società private che avrebbero dovuto supportare il servizio scolastico, cosa mai fatta , insomma non vi è stato mai nessun supporto.

Vogliamo parlare dell’EAV e della Circumvesuviana? In Penisola sorrentina, nel tratto che copre in particolare Vico Equense, Castellammare di Stabia e Pompei,  un incubo, stando ai resoconti sui social network-

Che la SITA dovrebbe avere a bordo il bigliettaio E’ UNA ESIGENZA DI CIVILTA’ che i sindaci della Costiera amalfitana non hanno mai capito. I turisti sballottati, se non trovano i biglietti costretti a scendere, ovviamente, nel traffico il bigliettaio potrebbe dare un aiuto fondamentale e una persona che aiuta è preziosissima in ogni circostanza, poi per le norme Covid è ovvio che l’autista che già non può controllare i biglietti figurati se può vedere le norme Covid a parte limitare l’accesso.

La farsa comunque ha inizio , sul trasporto inviate dal ministero al Comitato tecnico scientifico prevedono il ritorno del controllore sui mezzi pubblici e a terra
Lo ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, sottolineando che quello del controllo è un tema “cruciale”

In base alle indicazioni, inviate anche alle Regioni, il controllore dovrà verificare, a quanto si apprende, non solo il biglietto ma anche la corretta applicazione delle misure anti-Covid

Tra le regole da far osservare a bordo: la capienza all’80%, il distanziamento, il corretto utilizzo della mascherina

Per quanto riguarda il green pass per gli autisti, Giovannini ha sottolineato che si tratta di un “tema complesso” e che la discussione è in corso

“Più acceleriamo sulla campagna vaccinale – ha detto il ministro – più mettiamo in sicurezza tutto il Paese”

“Naturalmente gli operatori che sono in contatto con il pubblico dovrebbero essere i primi ad essere più protetti”, ha aggiunto Giovannini

È raccomandato, dunque, l’utilizzo della mascherina Ffp2, utilizzata a discrezione dei singoli ma che protegge in modo particolare nei luoghi affollati

Fra le raccomandazioni contenute nelle linee guida sui trasporti inviate dal ministero al Cts e alle Regioni anche differenziare l’orario di lavoro, le aperture di uffici e negozi, delle scuole e dei servizi pubblici, con ampie finestre di inizio e fine di attività, per prevenire i rischi di assembramento

Per le scuole, si legge nel documento, “risulta fondamentale l’attività dei Tavoli prefettizi”, per raccordare gli orari delle attività didattiche con quelli del trasporto pubblico locale. Viene quindi “fortemente auspicato” l’aumento delle corse, soprattutto durante le ore di punta

Commenti

Translate »