Quantcast

Salernitana: ottima impressione al Villa Park!

Più informazioni su

    La Salernitana non sfigura a cospetto di un avversario di assoluto spessore come l’Aston Villa che tra meno di una settimana affronterà il Watford nella prima giornata di Premier League. Una squadra organizzata, seppur con delle palesi ed inevitabili difficoltà quella vista all’opera al Villa Park di Birmingham dove i padroni di casa si sono imposti col risultato di 3-1

    Castori ha lanciato un undici di partenza mettendo da parte il 3-5-2 e affidandosi al 4-4-1-1 per contrastare il 4-2-3-1 del collega britannico Smith. In attacco il solo Djuric supportato da Obi, con Zortea e Ruggeri sulle fasce a centrocampo e Kechrida terzino destro dal 1’. I primi quindici minuti di gioco sono stati a senso unico, con i padroni di casa più volte pericolosi dalle parti di Belec, soprattutto con Philogene-Bidace e Ings. Al 18’ però la partita cambia binari, almeno per un po’: Obi lavora un buon pallone sulla sinistra, lascia partire un traversone sul quale si fionda Kechrida dopo il velo di Di Tacchio. Il calciatore franco-tunisino cerca la porta ma trova la deviazione di un avversario, mettendo per la prima volta in pericolo la porta di Martinez. Passano due minuti e la Salernitana passa addirittura in vantaggio: il gol lo realizza Obi, bravo a spingere in porta un pallone servitogli di sponda da Strandberg sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Di Tacchio. I padroni di casa provano a reagire, ma la Salernitana sfiora addirittura il raddoppio con Zortea che fallisce una doppia occasione ravvicinata dopo una grande ripartenza innescata da Capezzi. Gol fallito, gol subito: al 34’ l’Aston Villa pareggia con Ings che batte Belec con un destro perfetto dal cuore dell’area di rigore. Poco prima dell’intervallo c’è anche il vantaggio dei Villans su calcio di rigore: fallo di Gyomber su Watkins, l’arbitro indica il dischetto e dagli undici metri El Ghazi spiazza Belec.

    La prima parte della ripresa scorre via tra i tanti cambi dei padroni di casa e qualche scaramuccia tra Djuric e i difensori avversari fino al gol del 3-1 siglato dall’ex Inter Ashley Young, bravo a sfruttare un assist al bacio di Cash al 71’. Poco dopo Hourihane impegna Fiorillo, appena entrato al posto di Belec: il nuovo portiere granata si fa trovare pronto prima dell’errore a porta sguarnita di El Ghazi che spara alle stelle sulla ribattuta. Nel finale, dopo gli ingressi di Galeotafiore e Vitale, Fiorillo evita ancora il 4-1 intervenendo in uscita su Traoré ed evitando così una sconfitta troppo severa per l’ippocampo.

    Aston Villa (4-2-3-1): Martinez (1′ st Steer) Cash, Targett, Konsa (17′ st Hause), Mings, McGinn (17′ st Ramsey), Watkins (3′ st Chukwuemeka), Nakamba (17′ st Hourihane), Ings (17′ st Young), El Ghazi, Bidace (17′ st Traoré). A disposizione: Sinisalo, Tuanzebe. Allenatore: Dean Smith.

    Salernitana (4-4-1-1): Belec (27′ st Fiorillo); Kechrida (42′ st Galeotafiore), Gyomber, Strandberg (32′ st Bogdan), Jaroszynski (32′ st Aya); Zortea (14′ st Schiavone), Di Tacchio, Capezzi (42′ st Vitale) Ruggeri; Obi (27′ st Sy); Djuric (32′ st Kristoffersen). A disposizione: Bonazzoli, Russo. Allenatore: Fabrizio Castori.

    Arbitro: Craig Paswon (Assistenti: Lee Betts, Wade Smith). IV uomo: Scott Jackson

    Gol: 20′ Obi (S), 34′ Ings, 43′ rig. El Ghazi, 71′ Young (A)

    fonte salernitananews.it

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »