Quantcast

Ravello, fra i due litiganti il terzo gode. Stallo fra Di Martino e Di Palma, unico paese della Costiera incerto

Ravello, fra i due litiganti il terzo gode. Stallo fra Di Martino e Di Palma, unico paese della Costiera incerto . Ma che Musica ( politica ) a Ravello! La “Città della Musica” non si smentisce, ogni elezione è combattuta, forse sono le elezioni più combattute della Costiera amalfitana in genere, se si esclude l’ultima ad Amalfi che ha visto uno scontro all’ultimo voto che ha visto prevalere per un soffio Daniele Milano su una lista di ex sindaci.

C’è silenzio sul fronte degli ex alleati Salvatore Di Martino e Ulisse Di Palma, si tenta un accordo troppo a ridosso della presentazione delle liste quando le cose forse dovevano essere messe in chiaro almeno un anno fa e questo vale per tutti ovviamente.

“Insieme per Ravello” non reagisce alle provocazioni, alle frecciate venute da una lettera che girava sul web,  mentre le liste di “Oltre” e “Rinascita Ravellese” si confrontano con incontri quasi quotidiani , entrambi i gruppi hanno intenzione di fare una fusione ma entrambi vorrebbero avere il pallino in mano, sindaco e maggioranza dei consiglieri , ufficialmente nessuno parla ma le indiscrezioni sono chiare in tal senso . Salvatore Di Martino,  Ivan Calce e Luigi Buonocore da una parte ,  con Andrea Lombardi e l’avvocato Paolo Imperato, mentre dall’altra Ulisse Di Palma, Dario Cantarella e Nicola Amato, in primi due ex della maggioranza di Di Martino, il terzo era stato avvicinato ma ha fatto altre scelte, anche lui ex candidato sindaco .

Di Martino è sempre forte, ma alle precedenti elezioni ha vinto con l’appoggio sia di Di Palma che di Amalfitano, anche se ha recuperato i pezzi persi la battaglia sarà dura.

Secondo Amalfitano, apparentemente, sta a guardare, l’ex sindaco e direttore di Villa Rufolo,  impegnato con Brunetta e il Formez non può compiere passi falsi.

Paolo Wuilleumier posta la luna sul suo facebook. Fra i due litiganti il terzo gode?

Staremo a vedere , i colpi di scena a Ravello non sono mancati mai…

 

 

Commenti

Translate »