Quantcast

Piano vive la Notte della Tammorra con il World Project di Maione e Ausiello video

Notte della Tammorra a Piano di Sorrento, in Piazza Cota, giovedi 19 agosto 2021. Michele Maione , Emidio Ausiello , Enzo Tammurriello, Andrea Esposito, ospite Flo, hanno messo in musica una accurata ricerca sui tamburi a cornice, quelli che accomunano tante culture , nell’ambito del Mediterraneo e dell’Europa. Durante il covid si sono fermati gli spettacoli ma non lo studio, era qualche annetto che non li ascoltavamo, e li abbiamo ritrovati musicalmente super cresciuti. Le sonorità prodotte, con i tantissimi strumenti , manuali ed elettronici, il violino di Andrea accordato alla tzigana, la voce di Flo, la danza di Enzo, hanno immerso il pubblico incantato e fremente, sulle sedie, nell’atmosfera della grande notte di Dioniso.

Generico agosto 2021

Presenti come tutte le serate il Sindaco Vincenzo Iaccarino e l’assessore Carmela Cilento, che collaborano con l’organizzazione per l’esecuzione del protocollo imposto del Green Pass ,della prenotazione, delle file all’ingresso.

« Tammurrianti World Project ». L’idea è nata dall’esigenza di presentare in forma di spettacolo, la TAMMORRA, strumento principe della tradizione  del Centro/Sud d’Italia, che accompagnava il duro lavoro dei campi, ma era anche il mezzo per l’approccio amoroso, la conquista della donna e dell’uomo che solo in queste occasioni godevano di una relativa libertà. Diffusa oggi  in tutto il Mediterraneo, la Tammorra, detta anche “Tammurro”, è usata sia da sola che con altri strumenti a percussione e accompagna sia il canto che il ballo tradizionale, conosciuto come la “Tammurriata”, le cui origini si perdono nella notte dei tempi delle antiche danze greche e, probabilmente, delle genti campane come i Sanniti.
Emidio AUSIELLO e Michele MAIONE, accompagnati in scena da Andrea e Enzo ESPOSITO, propongono un concerto che vede il fondersi di antiche sonorità tradizionali a varie espressioni musicali più moderne: alchimie nuove nascono così da rielaborazioni  e  contaminazioni con  altri ritmi. Dalla musica tradizionale, al jazz, dalla canzone d’autore, al rap e alla musica elettronica: tante atmosfere basate su un dialogo fra mondi affini, anche se distanti, per suonare, cantare o ballare, in un crescendo di ottimismo, quanto mai necessario e opportuno di questi tempi.

Commenti

Translate »