Quantcast

L’idea del Green Pass è antica di secoli come la lotta alle pestilenze

Più informazioni su

L’ente veneziano provisiones salutis, rilasciava ai viaggiatori un certificato, non di vaccinazione avvenuta, ma libero spostamento. Le merci e i mercanti che venivano da fuori, dovevano trascorrere un periodo di quarantena fuori le mura.

C’è ne abbastanza tra app , green pass , tracciamenti ,per scatenare l’ira, in tutta Europa, di quanti vedono in queste procedure un pericoloso attentato alla libertà. Tra le tante accuse che sia una sorta di neofascismo digitale che miri, in prima istanza, a irregimentare le persone piuttosto che a tutelarne la salute. Ma se guardiamo indietro nel tempo, mutatis mutandis, gli strumenti con cui si è cercato, e a volte si è riusciti, a tutelare la salute dei cittadini non sono cambiati così tanto. È la prima soluzione razionale che gli esseri umani sono riusciti a mettere in campo per fermare le malattie. Nel 1374 a Reggio Emilia Bernabò Visconti ordinò che le persone provenienti da luoghi sospetti di peste trascorressero 10 giorni fuori dalle mura cittadine. Nel 1377, resisi conto che la peste arrivava in città attraverso le navi provenienti da Oriente decisero di tenere merci ed equipaggi, per 30 giorni in un luogo separato dalla popolazione. Fu così che nacque l’espressione che usiamo ancora oggi. Fu anche grazie a questa sorveglianza che a partire dal Settecento la peste cominciò a sparire.

Generico agosto 2021

Più informazioni su

Commenti

Translate »