Quantcast

Il 29 agosto a Villa Fiorentino ci sono le Kalika

Sorrento (NA) Kalika, questo il nome del gruppo musicale composto da tre giovani cantanti Vania Di Matteo, Giulia Olivieri e Anna Rita Di Pace, che hanno cominciato a collaborare insieme in modo quasi fortuito, dapprima con un progetto vocale a cappella tutto al femminile, che in seguito si è arricchito della collaborazione di un ensemble di tre musicisti (Gianluigi Capasso, chitarra; Francesco Varchetta, batteria; Diego Imparato, contrabbasso). Tre giovani donne dunque, anzi tre boccioli potremmo definirle, giocando con la traduzione della parola “kalika” che in lingua Hindi indica appunto il bocciolo della rosa, che hanno scoperto, cantando insieme, di avere affinità elettive e musicali che le hanno convinte a cimentarsi insieme, cantando a cappella, nell’interpretazione di brani di successo del repertorio classico della canzone sia italiana sia napoletana. Le tre cantanti si sono misurate poi con brani inediti ed originali, non rinunciando mai a mettersi in gioco, adottando arrangiamenti originali frutto delle diverse esperienze musicali di ognuna. Il brano che ha fatto scoccare la scintilla creativa tra le giovani interpreti e le ha convinte della bontà del progetto musicale che via via andava prendendo forma è stato uno dei successi musicali più struggenti di Enzo Gragnaniello, “Donna”, che rimane a quasi vent’anni dalla prima incisione la denuncia più sincera e commovente contro la violenza sulle donne mai scritta da un artista italiano, che in Mimì, Mia Martini, trovò l’interprete per eccellenza: bella, elegante, intelligente, graffiante: donna.
“Donne piccole come stelle” ma soprattutto brillanti, riescono ad essere Vania Di Matteo, Giulia Olivieri e Anna Rita Di Pace quando cantano il capolavoro di Gragnaniello. Era difficile e rimane difficile sostituire Mimì, ma le tre performer con i loro ricami vocali sanno offrirci un’originalissima interpretazione di questa canzone, che conserva nella loro versione quella straziante malinconia che ne accompagna ogni verso, fino alle ultime strofe: Donna come un mazzo di fiori/Quando è sola ti fanno fuori/Donna, cosa succederà/Quando a casa non tornerai? L’evento del prossimo 29 agosto a Villa Fiorentino alle ore 21:00 è promosso dal “Movimento 22 dicembre” ed è organizzato da FadeIn e Fondazione Sorrento, ma soprattutto gode del sostegno di tanti “semplici” cittadini. Sono due anni che la pandemia ha imposto lo stop ad un evento che, fino al 2019, caratterizzava le estati sorrentine. Eppure, il desiderio di “fare cultura”, attraverso una ricercata selezione musicale, è stato talmente forte, che il “Movimento 22 dicembre”, fondato dall’indimenticato Alessandro Schisano, ha deciso comunque di riproporre domenica prossima un appuntamento che vuole essere soprattutto di buon auspicio per la kermesse del 2022. Alla storica location di piazza della Vittoria è stata preferita Villa Fiorentino, dove è possibile garantire il rispetto dei protocolli anti assembramento, ma lo scopo resta quello di sempre: offrire buona musica e perpetuare la straordinaria testimonianza di Alessandro Schisano (foto in basso), dando seguito almeno in parte alle intuizioni e all’impegno che profuse per la sua comunità. Anche la data non è casuale: proprio a fine agosto ricade, infatti, il giorno del suo compleanno. Il concerto, dulcis in fundo, si avvale del supporto artistico del promoter Giuseppe Prudente, garanzia da sempre di impegno e grande professionalità.
Per info: 3282005169
Ingresso libero ad esaurimento posti a sedere (accesso all’area dalle 20.30) è gradita la prenotazione.
In ottemperanza alle linee guida di contrasto al covid-19 previste dal Ministero
si è tenuti ed esibire il GreenPass all’entrata.

Il 29 agosto a Villa Fiorentino ci sono le KalìkaKalika
Generico agosto 2021

Commenti

Translate »