Quantcast

I pisciottani nel cuore dal Sud al Nord foto

Più informazioni su

Pisciotta, Cilento . Ognuno è figlio del proprio vissuto sia personale sia interpersonale, difatti un professore dell’Istituto Alfano1 di Salerno, Felice Tommasone, scrisse un libro molto premiato da vendite esorbitanti, ed egli da buon filantropo usò il ricavato per l’acquisto di un defibrillatore, regalato all’Istituto Alfano. Un triste mattino la professoressa A.M.B. ebbe a scuola un gravissimo attacco di cuore e grazie al defibrillatore di Tommasone, usato nell’immediato è ancora viva. Sin d’allora tutto il personale scolastico, amministrativo e Dirigente apprezza fino all’inverosimile il defibrillatore. Felice Tommasone non è più fra noi è un angelo volato in cielo, ed a lui non si può esprimere la riconoscenza per la sua filantropia, ma si può fare con Aniello Tancredi di Pisciotta e la sua adorata moglie Mariarosaria, i quali non molto tempo fa hanno regalato anche loro un defibrillatore alla Misericordia di Pisciotta, che potrà salvare altre vite umane. Le persone dotate di profonda umanità come i coniugi Tancredi, diventano più sensibili ai bisogni altrui ed essi si sono preoccupati ed attivati per i loro compaesani con cui condividono la quotidianità. Il dottore Aniello Marsicano, Presidente della Misericordia, infinitamente riconoscente per l’utilissima donazione ricevuta, in segno di imperitura gratitudine ha donato ai coniugi Tancredi un ‘opera della pittrice italo-svizzera Anita Sigrist, che raffigura Pisciotta, il loro paese tanto caro. Ma anche un altro Pisciottano Francesco Tambasco, nato a Pisciotta ed adottato dalla città della Madonnina da oltre quarant’anni, non ha dimenticato i suoi pisciottani ed anch’egli il 10 agosto 2021, giorno di Sant’Aniello, protettore di Pisciotta, ha donato un altro defibrillatore alla Misericordia di Pisciotta, perché da Operatore presso l’Associazione Mediolanum, conosce molto bene l’importanza di questo apparecchio e con tale dono vuole testimoniare la sua vicinanza di cuore e di animo ai suoi cari pisciottani. Non si può non concordare con Anna Valiante operatrice pisciottana della Misericordia che scrive di lui “Francesco Tambasco un amico, uno che si dona e che dona, infatti ha donato al suo paese nativo, Pisciotta attraverso noi della Misericordia un defibrillatore. Grazie di cuore”. Gratissimo anche il Presidente della Misericordia che di concerto con l’artista pisciottana Gerolomina Fiorillo, e conoscendo l’irrefrenabile desiderio di Francesco Tambasco di aiutare il prossimo gli ha donato due centri della mostra locale in corso, che Francesco Tambasco porterà nel suo imminente ritorno a Milano all’Associazione di Paola Persico, che aiuta indefessamente tutte le mamme in difficoltà che si rivolgono a lei. La Presidente Persico, informata di questo dono ha subito telefonato per ringraziare. Il Presidente della Misericordia di Pisciotta, in collaborazione con l’Associazione Iolanda e con l’Associazione Misericordia ha, inoltre, conferito un attestato di Benemerenza al signor Francesco Tambasco in riconoscenza di quanto da egli ricevuto. A tutte le persone di cui si è parlato in questo articolo e che si spendono così tanto nel fare del bene si porgono pubblicamente sentiti ringraziamenti, e l’augurio di continuare le loro attività sul sentiero del Bene comune perché solo allorquando sta bene il singolo staranno bene tutti.

Più informazioni su

Commenti

Translate »