Quantcast

Gran Premio del Belgio 2021, una farsa che non fa bene all’attuale Formula 1.

Una sceneggiata che  non fa onore alla storia dell’automobilismo e che contribuirà ad allontanare quel pubblico di palato fino.  Soprattutto perché verificatosi su di un circuito come quello di Spa Francorchamps che insieme a  Monza e Silverstone , rappresenta l’ultimo baluardo di quella Formula Uno tanto cara ai tifosi storici e pertanto i  più accaniti della Formula Uno.

 

Non c’è stata competizione, dopo oltre tre ore di attesa ed una serie di rinvii a causa della pioggia, il GP del Belgio di ieri è stato ufficialmente dichiarato concluso con la vittoria dell’olandese della Red Bull Max Verstappen. Alla fine sono stati percorsi soltanto 2 giri  dietro la Safety Car con posizioni  congelate per le pessime meteorologiche, a causa della forte pioggia e scarsa visibilità. Di conseguenza, rispettando le posizioni della qualifica, sono stati assegnati la metà dei punti di una gara che non ci è mai stata. Con il risultato che l’olandese della Red Bull, si è aggiudicato 12,5 punti e si porta a -3 da Hamilton nella classifica del Mondiale. A completare il podio i due piloti inglesi George Russell e Lewis Hamilton. Mentre come dalle qualifiche, ottavo e decimo posto per le due Ferrari del monegasco Charles Leclerc e dello spagnolo Carlos Sainz.

Generico agosto 2021

Una scelta quanto meno discutibile quella della direzione di gara che ha dimostrato ampiamente di non tenere in mano la situazione, quindi  inevitabile la polemica finale circa un pomeriggio a dir poco assurdo. Già durante il giro di posizionamento il primo colpo di scena con Sergio Perez che perde il controllo della sua Red Bull e sbatte contro le barriere. La situazione meteo è critica e la partenza viene rimandata di 25 minuti. I meccanici Red Bull ne approfittano ed iniziano lavorare freneticamente per riparare  la monoposto del messicano. Alla partenza si effettuano un paio di giri dietro alla safety car. L’unico che chiede di partire è Max Verstappen, ma per la direzione corsa, il tracciato non appare praticabile e la visibilità è praticamente nulla. Tutti rientrano in pit-lane e ci si rassegna ad attendere.

Generico agosto 2021

La pioggia continua a non diminuire di intensità e per ore piloti e team sono rimasti fermi ai box aspettando di conoscere l’orario della nuova partenza oppure di ricevere la comunicazione dell‘annullamento definitivo della gara. Verso le 16.20 la Red Bull completa le riparazioni sulla vettura di Perez, che eventualmente partirà dal fondo del gruppo. Finalmente alle 17.30 la visibilità sembra migliorare e la direzione corsa fissa la nuova partenza alle 18.17 dietro alla safety car, con una gara della durata  un’ora e quindi con punteggio dimezzato.

Generico agosto 2021

La pista continua a rivelarsi impraticabile e  nel corso del terzo giro dietro alla vettura di sicurezza viene esposta la bandiera rossa. Dopo 16 minuti di attesa e con la nebbia che ormai sta avvolgendo Spa-Francorchamps viene ufficializzata la “vittoria” di Max Verstappen davanti a George Russell e Lewis Hamilton. Il pubblico che nonostante la pioggia è accorso numeroso i Belgio e i tanti telespettatori da casa si rendono conto che hanno assistito ad una  gara farsa che poteva benissimo essere evitata,dove sono stati assegnati punti in classifica in modo ingiusto e conclusasi persino con la cerimonia del podio. Una sceneggiata che senz’altro non fa onore alla storia dell’automobilismo e che contribuirà ad allontanare da tale competizione, quel pubblico di palato fino.

Generico agosto 2021

Soprattutto perché verificatosi su di un circuito come quello di Spa Francorchampsche insieme a  Monza e Silverstone , rappresenta l’ultimo baluardo di quella Formula Uno tanto cara ai tifosi storici e pertanto i  più accaniti della Formula Uno.Un Gran Premio, quello del Belgio 2021, che sarà senz’altro ricordato nella storia, per la incompetenza di chi è chiamato a prendere con buon senso e concretezza determinate decisioni. Infatti, sebbene il maltempo ha giocato la parte del protagonista, la direzione di gara è stata senz’altro inefficiente , per usare un eufemismo. Chi segue la Formula 1 da decenni difficilmente ricorda che nonostante il maltempo si sia verificata una situazione del genere.

Generico agosto 2021

Ora al di là delle condizioni proibitive e delle difficoltà di un circuito tra i più impegnativi ma senz’altro tra i più tecnici e  affascinanti del mondiale F1, come successo in varie altre simili occasioni, si poteva senz’altro dare la partenza alla 15, 00 come previsto. Quando la pioggia non era proprio incessante e permettere i primi giri in sicurezza con la safety car per poi dare il via vero e proprio ,in pista e fare in modo che le monoposto si distanziassero con il passare dei giri ed evitare l’acqua sollevata dai pneumatici. Valutare dopo qualche giro  il miglioramento della pista e la possibilità di fare una sorta di gara sprint in sicurezza.

Generico agosto 2021

Qualora tale aspetto  non fosse stato assicurato, allora la gara poteva essere interrotta con l’assegnazione dei punti  e la gara non sarebbe stata considerata una presa per i fondelli. Oppure rimandare il tutto al giorno successivo, visto che il prossimo GP, quello d’Olanda si disputerà domenica prossima ad un tiro di schioppo  dalla Ardenne. In molti oggi tuttavia hanno ricordato le gesta memorabili in condizioni proibitive e con monoposto tutt’altro che sicure rispetto a quelle attuali, di una Formula Uno meno tecnologica ma senz’altro più umana.

Generico agosto 2021

Dove il pilota faceva la differenza, soprattutto in condizioni meteorologiche pessime. Quella dei tempi andati,dei vari  Jacky Ickx, Jackie Stewart, Patrick Depailler,  Renè Arnoux, Stefan Bellof, Jean Alesi, tanto per citarne alcuni.  Degli insuperabili e leggendari Gilles Villenueve, Ayrton Senna, Mika Hakkinen, Michael Schumacher, senza dimenticare i nostri Vittorio Brambilla e Andrea De Cesaris, veri maghi della pioggia, di  una Formula Uno di altri tempi, di cui, di fronte a spettacoli come quello di ieri a Spa Francorchamps, si sente tanta nostalgia. – 29 agosto 2021 – salvatorecaccaviello

Commenti

Translate »