Quantcast

Dolore al braccio dopo il vaccino per il Covid, da che dipende? video

Più informazioni su

    Dolore al braccio dopo il vaccino per il Covid, da che dipende?

    vaccino covid

    Sono in tanti a manifestare un dolore al braccio, in sede di iniezione, nelle ore successive alla vaccinazione anti-COVID-19. Il fastidio
    può comparire qualche ora dopo l’inoculazione del siero e durare alcune ore o giorni giorni. E’ un effetto collaterale lieve che non riguarda
    unicamente i vaccini contro il SARS-CoV-2. Cosa scatena il dolore? E’ una conseguenza della risposta immunitaria, in seguito all’iniezione di
    sostanze estranee nel nostro organismo. Un segnale positivo e indicativo che il nostro corpo sta reagendo come dovrebbe. Ovviamente, data la
    complessità del sistema immunitario e le differenze tra i singoli individui, può anche accadere di non avvertite alcun dolore: i soggetti, infatti,
    possono sviluppare una risposta immunitaria protettiva anche senza manifestare reazioni particolari.

    Cosa accade esattamente?

    Ma cosa accade esattamente nel nostro braccio dopo l’iniezione? E perché alcuni avvertono dolore, mentre altri no? NapoliToday lo ha chiesto
    alla Dott.ssa Veronica De Rosa, Ricercatrice presso l’Istituto per l’Endocrinologia e l’Oncologia Sperimentale (IEOS) del CNR di Napoli.
    “Un braccio dolorante – spiega la Dott.ssa De Rosa a NapoliToday – è il risultato della risposta immunitaria del corpo al vaccino inoculato.
    Quando si verifica un effetto collaterale in seguito alla somministrazione, significa che il sistema immunitario sta funzionando come dovrebbe. I
    vaccini simulano il virus, quindi, quando iniettati nel corpo, il sistema immunitario risponde ad esso cercando di proteggere l’organismo
    dall’agente patogeno, sviluppando una memoria immunologica protettiva (anche fatta di anticorpi). Questa reazione può portare a diversi effetti
    collaterali come il dolore al braccio”. “Poiché i vaccini anti-COVID-19, oggi in uso nel nostro Paese, – prosegue la Ricercatrice – vengono
    somministrati tramite iniezioni intramuscolari, ovvero iniettati direttamente nei muscoli, il vaccino innesca l’infiammazione nel sito in cui viene
    inoculato.

    Come funziona il vaccino Pfizer e Moderna, spiegato facile. Che cosa accade nel braccio?

    Ma perché si avverte dolore? Cosa accede nel nostro braccio? Il motivo del dolore è legato all’attività delle cellule dell’immunità innata e delle
    APC (Antigen Presenting Cell) – ovvero le cellule del sistema immunitario che presentano l’antigene – che sono costantemente in agguato nei
    nostri muscoli, nella pelle e in altri tessuti: quando queste rilevano un agente estraneo, innescano una reazione a catena che si conclude con la
    produzione di anticorpi e una protezione a lungo termine. Questo processo, noto come risposta immunitaria adattativa (una risposta immunitaria
    acquisita caratterizzata dall’adattamento del sistema immunitario a ciascun agente patogeno), può richiedere una o due settimane per essere
    efficace. Parallelamente, si innesca, nei primi minuti dopo l’iniezione del vaccino, anche una risposta immunitaria innata: le cellule APC, cioè,
    iniziano ad emettere segnali di pericolo attivando un gran numero di cellule immunitarie che intervengono producendo segnali come le citochine e
    le chemochine, che a loro volta reclutano ancora più cellule immunitarie e possono scatenare vari tipi di reazioni. Le citochine, ad esempio
    dilatano i vasi sanguigni per aumentare il flusso del sangue causando gonfiore e rossore. Le citochine e le chemochine provocano fenomeni
    infiammatori che possono scatenare il dolore. In alcuni soggetti questo processo infiammatorio può causare anche febbre, dolori muscolari, dolori
    articolari, rash cutanei e mal di testa”.

    Perché alcuni vaccini causano più sintomi di altri

    “La ragione per cui alcuni vaccini causano più sintomi di altri (reattogenicità) – continua la Ricercatrice – può essere legata alla tecnologia o alle
    componenti utilizzate nei vaccini (come la presenza di adiuvanti), ma anche a varianti soggettive, come la genetica, l’indice di massa corporea, il
    sesso (pare che le donne manifestino più effetti collaterali degli uomini in risposta al vaccino anti-COVID-19), la differente elaborazione del
    dolore, l’età. Dai dati clinici – prosegue – è emerso che il dolore al braccio è stato registrato con più frequenza tra i giovani destinatari del
    vaccino. L’83% dei soggetti tra i 18 ei 55 anni ha riportato dolore al braccio dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino, rispetto al 71% dei
    soggetti over 55. Allo stesso modo, l’87 % delle persone di età inferiore ai 65 anni ha riportato dolore localizzato dopo la prima iniezione, rispetto
    al 74% degli over 65″.
    “Tuttavia – conclude la Dott.ssa De Rosa -, non è ancora del tutto chiaro se gli effetti collaterali siano causati dalla risposta immunitaria alla
    proteina codificata dal vaccino, o se siano dovuti ad altre componenti della formulazione del vaccino. Mentre è chiaro che gli effetti collaterali
    siano “reazioni immuno-mediate”, come ho spiegato prima, non ci sono dati certi su come ciò avvenga esattamente”.

    Nella video gallery di Positanonews TV un video con gli esercizi da fare 

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »