Quantcast

Cinque anni fa tremò la terra del Centro Italia: ancora oggi cantieri in corso. Amatrice aspetta ancora la normalità

Più informazioni su

Alle 3:36 una scossa di terremoto di magnitudo 6.0 della scala Richter con epicentro nel comune di Accumoli uccide 299 persone. Inizia la sequenza sismica Amatrice-Norcia-Visso. Un vero disastro, forse tra i più devastanti dell’ultimo secolo, quello che colpì il Centro Italia il 24 agosto di 5 anni fa.

Noi di Positanonews siamo andati più volti ad Amatrice con il Comune di Positano per portare degli aiuti, poi da Sorrento, grazie ad una iniziativa straordinaria partita dal ristorante Refood della famiglia Savarese .

“Se oggi sono qui è perché lo Stato vi è vicino. In passato è stato lento ma adesso la situazione è diversa: i lavori di ricostruzione stanno procedendo più velocemente. Sono oggi qui a portarvi fiducia e l’impegno del Governo”. Le parole riportate dall’ANSA sono quelle del premier Mario Draghi, presente questa mattina al suono della tromba impugnata da un carabiniere che ha intonato il Silenzio, Draghi ha deposto una corona d’alloro al monumento delle vittime del terremoto di Amatrice, nel parco don Minozzi. Come ricorda la lapide sotto il monumento di travertino, le vittime di Amatrice sono state 237 sulle 299 complessive.

Oggi tra Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria ci sono 5.000 cantieri aperti, tra pubblico e privato. 12.000 le abitazioni recuperate, 13.000 quelle in via di recupero, come scrive Sky Tg24. Intanto il progetto definitivo del recupero del duomo di San Francesco ad esempio è quasi pronto, poi si potrà fare la gara.

Ecco cosa scrive Franco Bechis su “Il Tempo”

Questa mattina ad Amatrice al quinto compleanno del tragico terremoto le poche centinaia di terremotati che tenacemente sono restati lì vedranno sfilare il quinto capo di governo da quel giorno. Il primo fu Matteo Renzi, che partecipò ai funerali. Poi nella staffetta venne Paolo Gentiloni. L’anno dopo fu la volta del Giuseppe Conte di destra, che videro teleguidato da Rocco Casalino che lo fece avvicinare alla gente in maniche di camicia bianca facendo in modo che mai potesse incontrare e stringere la mano a favore di camera o telecamera al Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti che era ovviamente lì per la ricorrenza. Hanno visto anche il Conte di sinistra poi quella mano stringere perché non faceva più scandalo: i due erano divenuti alleati. Oggi è il turno del capo del quinto governo in cinque anni: Mario Draghi.

 

C’è stato un po’ meno affollamento nel passaggio delle consegne fra chi aveva il compito istituzionale di occuparsi di loro: i commissari per la ricostruzione, che sono stati quattro. Il primo fu Vasco Errani, che Renzi voleva tenersi buono, ma che aveva altri progetti politici ed è durato poco. Poi prese il suo posto Paola De Micheli, che ambiva ad altro e infatti divenuta ministro lasciò il testimone a Paolo Farabollini, scelto dai cinque stelle. Come Conte in realtà Farabollini fu uno e bino. Perché siccome non si dava una mossa e manco aveva l’attitudine del politico a tranquillizzare la povera gente con un fiume di parole, fu affiancato da Vito Crimi che ottenne la delega alla ricostruzione come sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Anche lì però appena preso il dossier in mano Crimi ne fu distratto dalla passione politica, divenendo il reggente del M5s dopo le dimissioni di Luigi Di Maio da capo politico. Crimi e Farabollini hanno così lasciato il passo a un altro commissario, che tutto avrebbe voluto meno quell’incarico. Ma era il solo a disposizione di Giovanni Legnini che nella vita aveva già fatto un po’ di tutto, ed è stata una benedizione: senza altre ambizioni più in campo, qualcosa si è finalmente mosso, le macerie non ci sono più e ad Amatrice e dintorni sono stati aperti ora duecento cantieri, con due grandi gru che testimoniano come qualcosa finalmente si sia mosso.

Ma i cantieri non procedono con il passo di Marcell Jacobs sulla pista dei cento metri, e alla fine il risultato è questo: a cinque anni dal terremoto nessuna delle case o dei palazzi che vennero giù è stato tirato su. La ricostruzione è stato un bell’ufficio di collocamento per uomini politici, funzionari e professionisti. Ma non si è ricostruito un fico secco. E la storia del terremoto del centro Italia del 2016 (con la coda grave del 2017) resterà come una delle grandi vergogne della storia di questo paese. Chi è rimasto lì vive da quando le ha ricevute nelle casette, le cosiddette Sae, che così si chiamano perché la sigla significa «soluzioni abitative di emergenza» ed erano buone per ospitare per brevi periodi, tanto che hanno una data di scadenza come i latticini (e ormai ci siamo). Quelle terre sono una vergogna sulla coscienza di tutti loro e anche di tutti noi, che ne riparliamo ora perché scatta l’orologio della tragica ricorrenza.

 

Ero lì ad Amatrice quella mattina poche ore dopo la scossa, quando ancora non era arrivata la protezione civile e i soli a scavare nelle macerie erano i carabinieri accorsi da ogni caserma e stazione della provincia. Ancora oggi sento un nodo in gola ricordando una donna in ciabatte che urlava la sua disperazione a Sant’Emidio, che avrebbe dovuto proteggerli dai terremoti e invece aveva fatto perdere la vita a sua sorella e a tanti altri parenti e amici i cui corpi venivano composti come si poteva in un garage di fortuna. Il tempo avrà curato quella terribile ferita, e magari anche con Sant’Emidio quella donna si sarà rappacificata. Ma un discorsetto a quattro occhi dovremmo farlo con San Thomas Moore, patrono dei politici e dei governanti. Se mai dovesse staccare la spina per qualche tempo a questa masnada di uomini-disastro, prometto che gli sarò devoto il resto della vita…

Più informazioni su

Commenti

Translate »