Quantcast

Cava de’ Tirreni: riapre la scuola di Passiano, a settembre la ripresa delle attività didattiche

Cava de’ Tirreni: riapre la scuola di Passiano, a settembre la ripresa delle attività didattiche. Ce ne parla Giuseppe Ferrara in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno.

Riaprirà a settembre, dopo tre anni e mezzo di tribolazioni e intensi lavori per rimetterlo in sesto, il plesso scolastico di Passiano. Tolte le impalcature e disposti i traslochi di banchi, sedie e tutte le attrezzature necessarie, la scuola dovrebbe essere pronta in vista del ritorno in classe degli alunni, salvo diverse disposizioni governative in materia di contenimento del contagio da Covid-19. A confermarlo sono stati il vicesindaco Nunzio Senatore e il consigliere comunale Luca Narbone che, sin dall’interdizione dell’istituto, hanno supervisionato le attività per il ripristino confrontandosi con i genitori della frazione che, dal canto loro, hanno fatto fronte ai disagi derivati dalle disposizioni per il trasferimento degli alunni in altri plessi.

Ora tutto s’avvia ad una risoluzione definitiva e, sebbene da progetto i lavori si sarebbero dovuti concludere già lo scorso settembre, sono previsti pure ulteriori interventi di miglioramento che interesseranno anche la palestra della scuola. «Siamo giunti alla fine di questa triste parentesi che avrà un epilogo felice – dice l’assessore ai lavori pubblici Senatore – . Avremo finalmente una scuola bella e soprattutto sicura, dove verranno accolti oltre 300 bambini di Passiano e non solo. Inoltre sarà la prima scuola in città con un piano anti-Covid, aule e spazi più ampi per seguire tutti i riferimenti normativi. Una novità importante sul territorio che abbiamo voluto portare avanti a seguito della pandemia. Per settembre daremo la possibilità a questi piccoli cittadini di poter usufruire della scuola ed entrare in tutta sicurezza in un plesso nuovo e a norma sotto ogni punto di vista».

Prima dell’emergenza sanitaria, infatti, i ragazzi della frazione erano stati costretti a “migrare” in altri plessi scolastici in attesa che la scuola di Passiano fosse messa a nuovo. Era il gennaio del 2018 quando, a seguito di sopralluogo tecnico, era emerso che l’istituto presentava un indice di staticità inferiore alla norma tale da richiedere l’immediata interdizione di tutte le attività didattiche e la disposizione di opportuni interventi di messa in sicurezza. In particolare i tecnici avevano rilevato cedimenti significativi che avevano interessato alcuni pilastri portanti del primo piano e in corrispondenza delle fondazioni. Carenze che avrebbero potuto portare a un crollo qualora si fosse presentate l’eventualità di un movimento sismico anche di bassa intensità.

L’amministrazione corse ai ripari, disponendo immediata ordinanza di chiusura a tutela della pubblica incolumità. poi l’accensione del mutuo e l’affidamento dei lavori per un finanziamento totale di circa 1,4 milioni di euro. L’intervento si sarebbe dovuto concludere a settembre del 2020, ma l’emergenza sanitaria ha rallentato le procedure. Ad ogni modo, al momento, non sembrano esserci altri impedimenti all’orizzonte e, da cronoprogramma, a settembre la scuola verrà finalmente riaperta.

«Appena dopo l’apertura della scuola – assicura Narbone – partiranno i lavori alla palestra dell’istituto, oggetto di ulteriore finanziamento accolto (circa 300 mila euro) e successiva gara d’appalto. È stata individuata la ditta e i cantieri saranno operativi non appena finiremo i lavori alla scuola. Sono in corso anche i lavori per l’allargamento di via Aniello Ferrigno e via Leopoldo Siani, un’opera che veniva attesa da oltre 40 anni. fortunatamente siamo riusciti ad ottenere questo ulteriore risultato fondamentale per la viabilità cittadina », chiosa il consigliere.

Commenti

Translate »