Quantcast

Capri, Roberto Bozzaotre lascia il Consiglio Comunale per dedicarsi al ruolo di Responsabile della Polizia Municipale

Riportiamo il post pubblicato Roberto Bozzaotre, capogruppo di “Capri Vera” e già vicesindaco nella passata Amministrazione Comunale, sulla sua pagina Facebook: «Cari concittadini, come oramai è noto tra qualche giorno prenderò servizio presso il Comune di Anacapri dove sarò il Responsabile della Polizia Municipale. Si tratta di un ruolo che non mi costringerebbe a lasciare il Consiglio Comunale di Capri, ma ragioni di opportunità, serietà e rispetto (soprattutto verso voi cittadini capresi e verso l’Amministrazione Comunale e la cittadinanza di Anacapri) suggeriscono di dedicarmi unicamente alla nuova funzione lasciando il seggio in Consiglio Comunale a chi saprà e potrà occuparsene con maggiore dedizione.

Quella di lasciare ciò che ha animato gran parte delle mie giornate negli ultimi sette anni è una scelta che mi spaventa e fa soffrire. Ma è la scelta più corretta e giusta. Sono stati sette anni di cui sono orgoglioso. Sette anni di passione ed impegno, di battaglie vinte e battaglie perse, di idee che ho sempre provato a portare avanti con fermezza, rispetto e coraggio nell’esclusivo interesse della collettività.

Voglio però, prima di congedarmi, chiarire alcuni punti:

  • questa nuova condizione, che di certo non mi impedirà di partecipare alla vita pubblica del paese con la passione di sempre, non consente, a nessuno di noi, di abbandonare il nostro amato territorio al proprio destino. La necessità di impegnarsi, sognare e lavorare per una migliore amministrazione, lontana da logiche elettorali antiche ed inefficaci esiste oggi come esisterà fin quando non si avrà il coraggio e la voglia (come fatto tra il 2014 ed il 2019) di pensare solo al bene comune, accettando il rischio di qualche piccola ma sacrosanta rinuncia personale.
  • L’obiettivo appena esposto passa da un fondamentale e definitivo cambio di mentalità. Non si può pensare che qualcuno “sacrifichi” la propria vita personale e professionale per combattere contro i mulini a vento. Esiste invece il bisogno di una partecipazione e di una speranza collettiva, che vanno esercitate senza paura di esporsi e con la voglia vivida di contribuire al progresso del posto in cui si vive e che si ama. Tutti concetti che sono stati abbandonati quando si è scelto di abbracciare progetti politici già visti e rivisti e quando si è deciso, come opinione pubblica, di tacere davanti ad alcune scelte, poste in essere negli ultimi mesi, assolutamente indegne e deleterie per il nostro territorio.

Sono giorni di tristezza e dolore per la nostra comunità e quindi elencare i gravi errori di questi ultimi tempi risulterebbe fuori luogo. Ma di certo uno sguardo obiettivo consentirà a tutti di vedere la deriva verso cui si sta navigando, senza che stavolta sia io a doverlo far notare.

Insomma vi saluto, pronto per la mia nuova avventura e ringraziando i tanti cittadini che mi hanno dimostrato sempre stima e riconoscenza.

Se più in là nel percorso ci dovessimo incrociare nuovamente spero di ritrovare anche voi cittadini più pronti. Pronti a dare tempo e fiducia a chi ci mette sempre competenza, passione ed impegno, pronti a partecipare attivamente, pronti a ragionare da comunità evitando di cadere nelle trappole e nelle promesse senza prospettiva di una politica di tanti anni fa che si è ampiamente dimostrata dannosa per il paese. Con gratitudine, affetto e rispetto».

 

Commenti

Translate »