Quantcast

Angela Procida: da Castellammare alla finale di nuoto alle Olimpiadi

Castellammare si ferma per lei. Angela Procida alle Paralimpiadi di Tokyo si è qualificata per la finale dei 100 dorso S2 chiudendo poi al sesto posto. Un po’ di tristezza per il risultato ma tanta felicità per le emozioni vissute: “Come persona sono felice e soddisfatta –ha dichiarato a fine gara- non è da tutti affrontare una finale paralimpica. Certe emozioni vanno vissute. Come atleta, invece, non sono soddisfatta al 100%, era una finale alla mia portata. Ma è inutile piangersi addosso, bisogna superare gli ostacoli che la vita ti mette di fronte e puntare alla prossima gara. Non amo annoiarmi, faccio tante cose. Devo ringraziare la mia famiglia, loro sono stati il mio punto fermo. L’olimpiade non si prepara in tre mesi ma è frutto del lavoro di anni. Mi hanno supportata non solo moralmente ma anche con la loro presenza. Sono molto attiva anche dal punto di vista sociale. Ma ora, senza farsi abbattere da queste delusioni, si pensa alla prossima gara”. E intanto Castellammare si è “fermata” per tifare lei, 21enne stabiese DOC, orgoglio della città campana. Anche il sindaco Cimmino ha così commentato: “Un sesto posto che ci riempie di orgoglio. Un risultato eccezionale per un’atleta che ha raggiunto rapidamente l’élite mondiale nonostante la giovane età. Angela Procida ci ha fatto emozionare oggi alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 e sono certo che continuerà a regalarci tante soddisfazioni nel prossimo futuro, portando sempre più in alto il nome della nostra Castellammare!”.

Commenti

Translate »