Quantcast

Ad Acciaroli, il Comune del Sindaco pescatore al via la VII edizione del PAC

Il PAC, Porto D’Arte Contemporanea ad Acciaroli (Pollica) è un progetto innovativo, unico in Europa, che nasce da un’idea di Valerio Falcone e si basa sul rapporto fra l’identità storica del luogo, Acciaroli – Pollica, e, più in generale, l’area del Mediterraneo, e la relazione che essa ha con le altre culture e le filosofie artistiche contemporanee, riscoprendo la centralità della cultura mediterranea all’interno del mondo occidentale. Non un “semplice” Museo di Arte Contemporanea, ma un Museo “diffuso” a cielo aperto, che ha come finalità quella di promuovere le forze creative della Campania e di quella mediterranea che la accoglie. Proprio per la particolarità di questo progetto, infatti, il PAC ambisce ad essere il punto di riferimento artistico-culturale dell’Area del Mediterraneo facendo da rete di collegamento creativa in questa zona geografica. Intorno al Porto d’Arte Contemporanea hanno ruotato in questi primi anni molti dei più grandi artisti, critici, galleristi ed intellettuali di fama mondiale che hanno conferito a questo progetto uno status di elevato spessore internazionale. Alla VII Edizione quest’anno saranno protagoniste le opere di Ilaria Abbiento, che dedica la sua arte al paesaggio e al tema del mare, con immagini legate a itinerari cartografici immaginari per un’indagine poetica del suo oceano interiore.
Ilaria Abbiento la cui mostra è curata da Valentina Rippa è stata allieva di Antonio Biasiucci intraprendendo un percorso di ricerca di fotografia d’autore. Le sue opere sono state esposte in molte Gallerie d’Arte e Musei sia in Italia che all’estero come Al Blu di Prussia a Napoli, Le Quadrilatère a Beauvais in Francia, L’Art Pur Gallery a Riyadh e Hafez Gallery a Jeddah in Arabia Saudita, la Galleria d’arte moderna a Catania, il Museo Macro a Roma, il Museo Madre e il Museo di Villa Pignatelli a Napoli. L’altro artista che espone al PAC è Gabriele Di Matteo (conosciuto anche con lo pseudonimo Armando Della Vittoria), classe ’57, di Torre del Greco ma milanese d’adozione, dalle sue prime opere caratterizzate da linguaggio neo-espressionista, è passato a elaborare meccanismi di riflessione di matrice concettuale operando un radicale azzeramento linguistico (dichiarato il riferimento a Kazimir Malevič). Ad Acciaroli, Di Matteo presenta un film dal titolo “Dal ragazzo che tirò la pietra” nel quale mette a nudo ragioni e contraddizioni della festa della Madonna dell’Arco del lunedì in Albis, in questo caso il curatore è Massimo Sgroi. La mostra dei due artisti Ilaria Abbiento e Gabriele Di Matteo (nella foto in basso) rimarrà fino al 10 settembre visibile nell’Infopoint del Porto di Acciaroli, il Paese di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore, assassinato nel 2010 che non ha mai avuto giustizia ma che non sarà mai dimenticato da chi in questo Paese crede negli uomini perbene: li rispetta e ne vuole tramandare l’esempio alle giovani generazioni.
di Luigi De Rosa

Generico agosto 2021

Luogo: PORTO DI ACCIAROLI
Indirizzo: Via Porto – Pollica – Campania
Quando: dal 03/07/2021 – al 10/09/2021
Vernissage: 03/07/2021 ore 19
Autori: Gabriele Di Matteo, Ilaria Abbiento
Generi: arte contemporanea, doppia personale

Commenti

Translate »