Quantcast

Vico Equense, intervista al candidato sindaco Maurizio Cinque . Le priorità viabilità e pronto soccorso, ma sopratutto l’ascolto

Più informazioni su

Incontriamo , quasi per caso, il dr.Maurizio Cinque ,Candidato Sindaco della Citta di Vico Equense alle prossime amministrative e gli facciamo qualche domanda…

Perche ricandidarsi a Sindaco della Città di Vico Equense?
Grazie Direttore, rispondo volentieri. La decisione di fare un passo avanti per le prossime Amministrative a Vico Equense è un atto di responsabilità e d’impegno determinata da un percorso politico cittadino iniziato cinque anni fa. Che ci ha resi credibili e seri. Non temo le responsabilità. Ma credo, ed è opinione condivisa, che Vico abbia bisogno, direi necessità, di una spinta amministrativa ben diversa, più incisiva, che sappia guardare ai tanti problemi e alle criticità di oggi, sempre con uno sguardo al futuro. Essere utile alla propria città è qualcosa di incredibile. Esserne il sindaco penso sia un onore per chiunque.

Come procede la Campagna elettorale?
L’estate e le preoccupazioni Covid-19 condizionano questa strana campagna elettorale. E bisogna adeguarsi. Ma noi abbiamo tanta determinazione ed energia e soprattutto serenità. Abbiamo le idee chiare sul da farsi e la consapevolezza della sfida che ci attende .
A che punto è con la Coalizione?
Inizia un breve periodo di riflessione e responsabilità per tutti. In pochi giorni, ho il dovere di contattare ed incontrare i gruppi politici “alternativi” all’attuale amministrazione. L’obiettivo è chiarirci, confrontarci, fare squadra, stabilire le priorità programmatiche e presentare agli elettori un programma ed una coalizione seria, affidabile e vincente

Ed il programma?
Il programma elettorale è in costruzione, come deve essere al punto in cui siamo. E spiego meglio il concetto. Non sarà un elenco sterile di cose da fare ne tantomeno un libro dei sogni: dobbiamo essere seri e concreti con i cittadini. Sarà un insieme di nostri progetti ed idee concrete e realizzabili , unitamente alla raccolta dei bisogni, delle necessità e delle riflessioni scaturite dagli incontri e dall’ascolto dei cittadini ,degli operatori economici e commerciali, della scuola , degli ambienti ecclesiali, del turismo, delle realtà territoriali del Faito, di Santa Maria del Castello, dei Camaldoli di Arola, del mondo dell’associazionismo e del terzo settore, degli artigiani, degli agricoltori ecc ecc.. Non vogliamo fare i “tuttologi”, abbiamo la consapevolezza e l’esperienza di capire che i progetti e gli interventi si fanno ascoltando i territori e le realtà produttive, facendo “sistema”. Fatto ciò, presenteremo il programma.

Quali saranno le linee guida di una eventuale nuova amministrazione a Vico Equense?
La buona amministrazione e la tempestività degli interventi. La buona amministrazione passa dalla programmazione. Occorre pianificare tutte le azioni da fare nei cinque anni. Bisogna dimostrare un’inversione di marcia a cominciare dal contesto: serve un ambiente sereno, serve fare squadra come l’Italia agli Europei di calcio. Serve che tutti lavorino nell’interesse della città. E’ necessario pianificare le priorità attraverso un’attività istruttoria e di ricognizione per trovare le azioni e le soluzioni più efficaci per affrontare ogni tematica.
Sulla tempestività degli interventi è evidente il fallimento dell’attuale amministrazione. Negli ultimi tre mesi vogliono fare e recuperare tutto quello che non hanno fatto in cinque anni! Questo porta a lavori fatti male, sprechi di soldi, contenziosi ecc. Non possiamo più permettercelo!

Quali le priorità immediate nei primi mesi?
Sicuramente la viabilità, uno scandalo. Il Pronto Soccorso , una problematica da affrontare e risolvere seriamente nelle stanze e sui tavoli giusti. Parchi e strutture sportive in tutte le frazioni. I Fondi Europei ma soprattutto l’ascolto ed il sostegno delle attività produttive, commerciali e del mondo del terzo settore per fare squadra ed iniziare un cammino condiviso.
Cosa chiede ai cittadini di Vico?
Vico merita una ripartenza ed un cambio di passo: Economico, Turistico, Culturale e Sociale. Ha bisogno di una squadra di governo autorevole che metta in essere interventi seri e necessari. Chiediamo di darci fiducia e metterci alla prova!

Più informazioni su

Commenti

Translate »