Quantcast

Sorrento: omaggio a Giambattista de Curtis, autore di “Torna a Surriento”

“Torna a Surriento” è un classico della musica italiana che ha reso grande Sorrento nel mondo. Centinaia di turisti nella costiera sorrentina intonano la melodia di un inno storico segnato a vita da Ernesto e Giambattista de Curtis.

Il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, ha reso omaggio questa mattina al monumento dedicato a Giambattista de Curtis, in occasione dell’anniversario della nascita dell’autore di Torna a Surriento che compose, su musica del fratello Ernesto, quello che è divenuto un vero e proprio inno di Sorrento nel mondo.

Giovan Battista era poeta e musicista, ma era stato assunto da Guglielmo Tramontano, proprietario dell’albergo omonimo a Sorrento. Secondo lo storico sorrentino Nino Cuomo, qui Giovan Battista conobbe Carmela Maione, figlia di contadini affittuari del Tramontano. L’artista, che se ne innamorò, le dedicò la canzone “Carmela” (registrata alla SIAE nel 1890). “Torna a Surriento” sarebbe stata depositata due anni dopo, nel 1892, senza tuttavia essere mai eseguita ufficialmente.

sorrento sindaco giambattista de curtis

Torna a Surriento – Testo

«Vide ‘o mare quant’è bello,
spira tanto sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
Ca scetato ‘o faje sunnà.

Guarda, gua’ chistu ciardino;
Siente, sie’ sti sciure arance:
Nu profumo accussì fino
Dinto ‘o core se ne va…

E tu dice: “I’ parto, addio!”
T’alluntane da ‘stu core…
Da la terra de l’ammore…
Tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
famme campà!

Vide ‘o mare de Surriento,
che tesore tene ‘nfunno:
chi ha girato tutto ‘o munno
nun l’ha visto comm’a ccà.

Guarda attuorno sti ssirene,
ca te guardano ‘ncantate,
e te vonno tantu bene…
Te vulessero vasà.

E tu dice: “I’ parto, addio!”
T’alluntane da ‘stu core
Da la terra de l’ammore
Tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!»

Commenti

Translate »