Quantcast

Sorrento, con i Globus Tour, iniziano ad arrivare gli americani.

Dopo quasi due anni di assenza a causa della pandemia i  primi due gruppi, per il rinomato Tour Italia, ospiti presso il Grand Hotel Vesuvio.

Sorrento – Visto l’attuale situazione in cui versa il comparto turistico, rivedere sul nostro territorio turisti americani rappresenta senz’altro un grande evento ed un forte segnale che la pandemia può essere sconfitta. Per la nostra città, tali primi arrivi  da oltreoceano, significano che  finalmente  si è accesa la luce in fondo al tunnel e che forse anche l’attuale stagione turistica può essere ancora salvata. dopo un 2020 a dir poco catastrofico per il nostro turismo. I primi due gruppi a mettere piede a Sorrento sono stati quelli della Globus, che in questi giorni sono ospiti presso il Grand Hotel Vesuvio.

Generico luglio 2021

Consueta tappa finale del rinomato “Tour Italia”,  che  inizia da   Roma per poi proseguire  verso Firenze, Lago Maggiore, Venezia , Assisi ed infine concludersi a Sorrento. Dove poi viene organizzato il transfer per l’Aereoporto e quindi il ritorno negli States. Da precisare che gli americani in viaggio verso l’Europa e l’Italia, sono tutti vaccinati e quindi in possesso di Green Card.  Sebbene decaduto l’obbligo della quarantena resta tuttavia quello del tampone antigenico, effettuato direttamente all’aeroporto a spese della Compagnia. Nonostante che in America continua ad esserci un grande desiderio d’Europa ed in particolar modo d’Italia, al momento sono ancora pochi i voli per il nostro Paese. Quello attuale è un piccolo inizio verso una più ampia apertura  che si prevede verso settembre e quindi per tutto l’autunno. Pertanto l’incremento delle vaccinazioni, il tenere a bada le varianti del virus, ma anche e soprattutto  i nostri comportamenti  rimangono elementi  di fondamentale  importanza, affinché quello che da sempre è stata una meta prediletta per i nostri amici americani continui ad esserlo, nonostante le difficoltà attuali , anche in futuro. – 16 luglio 2021 –  salvatorecaccaviello

Commenti

Translate »