Quantcast

Ravello , ora la campagna si infuoca. La mancata “staffetta” anche ad Agerola, Praiano e Positano

Ravello, Ulisse Di Palma annuncia candidatura a sindaco con un manifesto “Staffetta era la parola data e non mantenuta”. Un manifesto che denota amarezza quello di Ulisse Di Palma che annuncia la sua candidatura contro Salvatore Di Martino con il quale si è candidato alle scorse elezioni.  La mancata “staffetta” sempre il leit motiv delle elezioni della Divina . Tre comuni al voto in Costiera amalfitana vedono i vice sindaci prendere l’iniziativa per candidarsi, in tutti e tre i casi il sindaco uscente non li ha proposti, parliamo di Agerola , con Andrea Buonocore, di Praiano, con Annamaria Caso, e appunto di Ravello. A Positano stava succedendo lo stesso, ma Francesco Fusco non si è poi più candidato. La battaglia di Ravello in Costa d’ Amalfi è quella che ha più risonanza mediatica dopo il caso della Fondazione Ravello che ha visto il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca accusato a livello nazionale perchè non avrebbe voluto al Ravello Festival Roberto Saviano, Ravello è al centro sempre della dialettica, anche aspra, di carattere politico oltre la provincia di Salerno, più di qualsiasi altro comune della Divina.

 

Commenti

Translate »