Quantcast

Positano, Gino Grassi sta bene. Ora l’Asl e la Regione Campania attivino medici ed idroambulanza in Costiera amalfitana foto

Con l'augurio a Gino di buona guarigione e l'abbraccio affettuoso a tutta la famiglia Grassi si impone un appello alle istituzioni assenti come non mai della delicata funzione dell'emergenza sanitaria sulle spiagge della Costiera amalfitana

Positano, Gino Grassi sta bene. Ora l’Asl e la Regione Campania attivino medici ed idroambulanza in Costiera amalfitana. La buona notizia è che Gino sta bene, a tutta la famiglia va un abbraccio per lo scampato pericolo. Ora il problema serio , senza il quale non si sarebbe creato tutto quel caos, va addebitato principalmente all’organizzazione dell’emergenza sanitaria. L’idroambulanza in Costa d’ Amalfi è indispensabile, ricordiamo che a Praiano è morta una donna, anche se si è fatto di tutto per precisare, e che abbiamo avuto decine di interventi sulla spiaggia. L’idroambulanza avrebbe portato in pochi minuti Gino in ospedale e si sarebbe risolto il problema subito. Inoltre mancano medici , a Positano ci sono la metà dei medici operativi rispetto a qualche anno fa, che erano sei, quindi agli stessi medici e all’equipaggio del 118, lo diciamo di nuovo, va la nostra solidarietà perchè operano in queste condizioni difficili. Abbiamo chiesto al sindaco Andrea Reale in qualità di rappresentante della conferenza dei sindaci della Costa d’ Amalfi di perorare la nostra causa presso il Governatore Vincenzo De Luca, non esiste solo il Covid, si muore e si va in ospedale anche per altro, e al momento, causa mancanza idroambulanza, che in pochi minuti poteva raggiungere Amalfi e l’ospedale Costa d’ Amalfi di Castiglione di Ravello o Salerno, e causa mancanza presidio sanitario in spiaggia e di medici, pensate che l’ambulanza alla Sponda non ha medico a bordo, si rischia davvero la vita molto più del Coronavirus Covid – 19 .

In ogni caso è assolutamente incivile che si stia in queste condizioni. Positanonews come sempre vicino al popolo, rappresenta i problemi reali alle istituzioni. Speriamo che da Napoli De Luca ci senta e faccia attivare l’ ASL al più presto prima di dover registrare un ennesimo intervento in spiaggia in queste condizioni precarie.

Il vero problema è questo, l’assenza dello Stato in una materia così delicata dove dovrebbe tutelarci come l’emergenza sanitaria.

Cerchiamo di essere tutti uniti in questa battaglia.

Aggiungiamo i ringraziamenti allo staff del 118  di Positano guidato dal dottor Petti che ha soccorso con infermiere e l’autista Gino grassi . Pure  grazie a loro che sta bene perché han provveduto a stabilizzarlo facendogli la terapia adeguata.  In quel caso i Porter non li hanno accompagnati al molo e quindi sono scesi a piedi nella fogna per raggiungere Fornillo.

Commenti

Translate »