Quantcast

Penisola Sorrentina, schiuma in mare: allarme da Vico Equense a Massa Lubrense

Penisola Sorrentina, schiuma in mare: allarme da Vico Equense a Massa Lubrense. Ce ne parla Massimiliano D’Esposito in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino. 

Allarme tra i bagnanti che frequentano il litorale della penisola sorrentina. Ieri sono comparse ampie chiazze di schiuma bianca sul mare che bagna Vico Equense. Ma lo stesso fenomeno è stato rilevato anche in altri tratti della costa, fino a Massa Lubrense. Numerose le segnalazioni arrivate alla redazione del Mattino, così come è stata allertata la Capitaneria di porto. Il comandante del compartimento di Castellammare di Stabia, Achille Selleri, competente sul territorio del comprensorio sorrentino, ha subito predisposto il monitoraggio del litorale da parte del proprio personale. Probabilmente, è questa la conclusione cui si è giunti, si tratta di un fenomeno naturale, la cosiddetta mucillagine, che si produce in seguito a una reazione chimica delle alghe in putrefazione in caso di elevate temperature del mare. Ipotesi avvallata dal fatto che la schiuma in questione non emanava alcun cattivo odore. A provocarla, secondo gli esperti, anche le condizioni meteo marine che in questi giorno favoriscono la risacca. In ogni caso è stata avvisata anche l’Arpac. Ai tecnici è stato chiesto di prelevare dei campioni e procedere ad analisi di laboratorio per accertare l’esatta origine della schiuma e poter eventualmente agire di conseguenza.

LE IPOTESI Molti bagnanti ieri, così come nei giorni precedenti, hanno preferito non fare il bagno nel timore che a provocare le chiazze fossero agenti inquinanti arrivato in acqua attraverso scarichi illegali oppure a causa di un malfunzionamento dell’impianto di depurazione di Punta Gradelle. Ipotesi che sembra scongiurata. A rassicurare sulla corretta operatività del depuratore è l’ingegner Luigi Facchi, l’uomo alla guida della squadra che gestisce l’impianto per conto del consorzio che lo ha realizzato. «Siamo soggetti ogni due settimane a controlli da parte di Arpac e posso assicurare che tutto funziona perfettamente – chiarisce – Anch’io, in questi giorni, ho visto la schiuma in mare, anche verso Castellammare o in costiera amalfitana, ma posso garantire che non è provocata dal nostro depuratore. Nel momento in cui caleranno le temperature il fenomeno svanirà così come è comparso». Domenica scorsa, invece, alla Marina di Seiano, sempre a Vico Equense, è stato segnalato dal consigliere comunale Ciro Maffucci, che era in zona con la famiglia, un rivolo schiumoso e maleodorante che scorrendo lungo la spiaggia raggiungeva il mare.

Commenti

Translate »