Quantcast

Minori, un vero miracolo per l’operaio dell’autogru: non è in pericolo di vita, intanto aperta un’inchiesta

Più informazioni su

Minori, in Costiera Amalfitana si tira un nuovo sospiro di sollievo dopo l’ennesima tragedia scansata.

“E’ stato un miracolo”, è l’ unica frase che si sente scrivere e pronunciare dopo gli ultimi fatti accaduti all’operaio, che ieri ha rischiato la sua vita, in seguito ad un’improvvisa inclinazione dell’autogru verso la scogliera, come abbiamo documentato dalle foto pubblicate nelle scorse ore, sul nostro giornale.

Per l’operaio si è trattato di veri e propri attimi di panico, in cui ha rischiato letteralmente di rimanere schiacciato dal mezzo.
L’uomo, T.G., 39enne della provincia di Caserta, stava operando dal cestello del braccio gru dell’automezzo quando è stato scaraventato contro la scogliera sottostante.
Qualcosa, infatti sembra essere andato storto a causa delle condizioni di ancoraggio al suolo dell’automezzo dell’impresa del napoletano.
Con l’ operaio, anche il collega, manovratore della gru, all’interno dell’automezzo rimasto in equilibrio precario oltre le ringhiere della strada soprastante.

Dolorante al petto, l’operaio ha trovato la forza di alzarsi e allontanarsi dal luogo dell’incidente.

Distesosi sulla roccia, è stato soccorso immediatamente dai medici del 118 giunti via mare grazie a un’imbarcazione privata.
Al primo arrivo dei soccorsi le sue condizioni, sono apparse immediatamente serie e si temevano lesioni agli organi interni, mentre l’operaio restava sempre cosciente e dolorante.

Dopo poco l’intervento dell’elicottero che lo ha sollevato per condurlo d’urgenza al Ruggi d’Aragona di Salerno.

Sottoposto agli esami strumentali, è stato rilevato un trauma toracico con numerose fratture costali.

Ma la notizia, che interessa tutti noi è che l’uomo attualmente non è in pericolo di vita e si trova ancora ricoverato al reparto di Chirurgia d’Urgenza del Ruggi, mentre, il suo collega, l’operatore del mezzo è stato trasportato al Presidio ospedaliero di Castiglione di Ravello e ha riscontrato lesioni giudicate guaribili in pochi giorni.

Soltanto nella tarda serata di eri, intorno alle 22.00, l’automezzo è stato riequilibrato sulla sede stradale grazie all’intervento di una grossa autogru dei Vigili del Fuoco giunta da Caserta e la Strada Statale 163 Amalfitana in corrispondenza della “Torricella” tra Minori e Maiori è stata riaperta durante la notte
Sono inoltre state installate barriere in calcestruzzo per sostituire le ringhiere piegate, per garantire così., la sicurezza stradale.

Attualmente i Carabinieri della Compagnia di Amalfi, diretti dal capitano Umberto D’Angelantonio, hanno informato l’Autorità Giudiziaria che ha disposto il sequestro del mezzo.

Saranno infatti, proprio i Carabinieri dell’ispettorato del lavoro a effettuare tutte le verifiche circa il rispetto delle norme di sicurezza sul luogo di lavoro, nonché perizie tecniche sulla piattaforma mobile dell’impresa napoletana appaltatrice dei lavori di consolidamento esterno della base della sede stradale.+

Più informazioni su

Commenti

Translate »