Quantcast

Malta, gara di solidarietà dei ristoratori italiani per i ragazzi in quarantena.

Più informazioni su

    Malta, gara di solidarietà dei ristoratori italiani per i ragazzi in quarantena. Da domani cibi e bevande saranno forniti ai quasi duecento adolescenti ospiti degli hotel

    La comunità italiana a Malta si mobilita mettendo in campo la generosità che l’ha sempre contraddistinta. Attraverso il Corriere di Malta diversi ristoratori si sono offerti di assicurare cibo e bevande ai ragazzi italiani bloccati in diversi hotel dell’arcipelago perché sottoposti alla quarantena obbligatoria. Il lodevole gesto di solidarietà è nato all’indomani dell’allarme lanciato da alcuni genitori circa le difficoltà che hanno incontrato i loro figli, tutti minorenni, nell’affrontare una situazione oggettivamente complicata, nella quale al disagio psicologico si sovrappongono carenze di tipo materiale. Dopo aver appreso dei problemi vissuti dai loro giovani connazionali, alcuni imprenditori della ristorazione si sono fatti avanti per contribuire ad alleviare la condizione di estremo disagio di ragazzini che vanno dai 12 ai 16 anni e che sono lontani dalle loro famiglie. Tra i primi a offrire il proprio sostegno sono stati Antonio, Giuseppe e Gianni, titolari del ristorante “Marrobbio” a Sliema. «Da sempre aiutiamo chi è in difficoltà – hanno spiegato Antonio, Giuseppe e Gianni – perché bisogna sempre mettersi nei panni degli altri. In questo caso siamo ben felici di dare una mano a chi sta vivendo una esperienza non facile, offrire cibo e bevande ai ragazzi italiani. Da domani, ad esempio, consegneremo pizze e acqua minerale ai venti ospiti dell’Hotel Topaz. Attraverso il Corriere di Malta vorrei invitare altri miei colleghi a manifestare la propria solidarietà nei confronti dei nostri giovani connazionali».Oltre a Antonio, Giuseppe e Gianni per ora si sono già fatti avanti altri altri imprenditori: il cavaliere dell’Ordine di Malta Francesco Rugeri, titolare dei punti vendita “Moro Café”; Marco Centomani di “Falco Fish Shop”, e Dario Sidoti di “Santini Restaurant”, Sabrina Vizza di “Dolce Sicilia“: tutti sono pronti a fornire cibo e bevande. All’iniziativa hanno aderito anche Pietro Marletta e Flavio Licciardello di “Maltazon” che forniranno prodotti per la sanificazione, gel igienizzanti e mascherine. Dunque, siamo certi che in questa vicenda – che, ricordiamolo, coinvolge quasi duecento adolescenti – il grande cuore della comunità italiana di Malta saprà battere più forte. In collaborazione con l’Ambasciata d’Italia forniamo i nomi degli hotel e il numero dei pasti da destinare a ogni struttura:

    Hotel Corinthia Marina (St. Julian’s): 100 pasti

    Hotel Bellavista (San Pawl): 20 pasti

    Hotel Topaz (Sam Pawl): 20 pasti

    St. George’s Park Hotel (St. Julian’s): 20 pasti

    Sprachcaffé (St. Julian’s): 20 pasti

    Chi vuole aderire all’iniziativa di solidarietà, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, può farlo inviando una mail all’indirizzo info@corrieredimalta.com, oppure attraverso messenger della pagina Facebook del Corriere di Malta.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »