Quantcast

Lavoro online: boom al Nord, ma non al Sud

Più informazioni su

Lavoro online: boom al Nord, ma non al Sud. Ce ne parla Nando Santonastaso in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

La ripresa post pandemia è iniziata ma è il Sud che arranca in questa prima metà del 2021, sia pure a poca distanza dal Centro. L’ultima conferma di quella che sembra una linea di tendenza già piuttosto annunciata, con il Nord nettamente più dinamico, arriva dalle offerte di lavoro online. Secondo il recentissimo Rapporto della Fondazione per la Sussidiarietà, in collaborazione con il Crisp (Centro di ricerca dell’università Bicocca di Milano), nei primi tre mesi dell’anno c’è stato un vero e proprio boom, con una crescita del 40% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 20% sul 2019, anno di riferimento più attendibile perché prima della pandemia. Ma delle 156.064 offerte di lavoro continuative censite nel Rapporto ed estratte da un panel di oltre una ventina di portali, record storico online (dal 20115 al marzo 2021 gli annunci su Internet sono stati circa 2 milioni e 600mila) solo l’11 per cento riguardano il Mezzogiorno.
Il divario geografico nella vitalità del mercato del lavoro si conferma insomma in tutta la sua pericolosa evidenza: le posizioni offerte al Nord su Internet rappresentano il 74% del totale contro il 15% del Centro e, appunto, l’11% del Sud e delle isole. oltre una ventina di portali, che aggregano offerte di lavoro in modo continuativo. «Gli annunci online sono diventati il canale principale per le offerte di lavoro e confermano la ripresa del Paese ha commentato Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà -. Ci attendiamo un deciso impulso dalla graduale riapertura delle attività e dall’avvio del Piano nazionale di ripresa e resilienza».

PAESE A DUE VELOCITÀ Il fatto è, però, che il Paese continua a muoversi a due velocità anche se il 2020 ha lasciato il segno sull’incontro tra offerta e domanda di lavoro. Anche online, infatti, il tonfo è stato notevole, come documenta il Rapporto: la pandemia ha causato una forte contrazione nei primi 4 mesi, con un crollo del 22% delle offerte (129.400 contro le 165.000 dello stesso periodo dell’anno prima). Nei successivi otto mesi (maggio-dicembre), invece, c’è stato un rimbalzo del 5% (276.000 offerte contro 262.000 dell’analogo periodo del 2019).
Il dato relativo al Sud è preoccupante non solo in sé ma anche per ciò che rappresenta oggi la tipologia delle offerte di lavoro delle aziende. Lo si comprende meglio dalla rilevazione effettuata da Assolavoro Datalab, l’Osservatorio dell’Associazione nazionale delle Agenzie per il Lavoro, su dati interni al settore e su fonti terze qualificate (Excelsior, Linkedin, Trovit, Indeed). Le 30 figure professionali più ricercate anche su Internet, sono specialisti e Project manager dell’ICT, progettisti meccanici ed elettromeccanici, responsabili vendite, specialisti e-commerce e financial controller per le qualifiche più alte. Ma subito dopo vengono specialisti on line, impiegati tecnici e del back office commerciale e logistico, addetti alle risorse umane, cuochi, figure tecniche elettromeccaniche e programmatori PLC. Infine nel manifatturiero si evidenzia la richiesta di manutentori elettromeccanici e automazione, montatori, assemblatori, finitori e operatori robot di saldatura. Richiesti anche operai qualificati per controllo qualità e conduzione magazzino. I gruppi professionali di riferimento cui appartengono le 30 figure alimenteranno complessivamente circa 580mila richieste di profili, su un totale atteso di 680mila vacancies rilevate dal rapporto Excelsior di Unioncamere. Cosa vuol dire? Che per la stragrande maggioranza dei casi, il lavoro c’è solo per specifiche e competenti qualifiche, più consone ad un territorio sviluppato o legato a solide radici industriali (il Nord) e nel quale la connessione tra imprese e sistema della formazione è a dir poco rodato. Un contesto di ripresa, peraltro, nel quale passa quasi in secondo piano la certezza che la maggior parte dei contratti proposti sia a tempo determinato.

Più informazioni su

Commenti

Translate »