Quantcast

“Io credevo in te”: il corto che ha conquistato il web

“Io credevo in te”, il corto che ha conquistato il web, è un video che ha conquistato il pubblico online: 10.000 visualizzazioni su Youtube e 30.000 su Facebook, con ben 130.000 interazioni al post.

Un vero è proprio boom di visite, visualizzazioni e condivisioni, che premiano un lavoro che vuole lanciare un messaggio importante.

Il cortometraggio è sul tema dell’abbandono dei cani, come annunciato dall’eloquente titolo “Io Credevo in Te”.

Scritto e diretto da Giuseppe Cossentino, vede come co-protagonista  l’attore e personaggio televisivo Nunzio Bellino, ma il vero protagonista a quattro zampe è Chicco, cagnolino dell’attore Bellino.

Il cortometraggio è stato girato tra Napoli e Castelvolturno ed è volto a sensibilizzare l’opinione pubblica, sul tema-denuncia dell’abbandono dei cani, soprattutto in vista delle vacanze estive.

Bellino, animalista convinto, ha avuto questa bella e lodevole idea, coinvolgendo l’amico Cossentino, sempre in prima linea, in qualità di sceneggiatore e regista, di lavori a carattere sociale.

Il messaggio che si vuole diffondere, è quello che in questi mesi difficili, di continui lockdown e di emergenza sanitaria, il rischio è che i cani siano vittime di abbandoni, molto più degli altri anni.

Vivono con noi e fanno parte della famiglia, e dovrebbero esserlo sempre, anche in vacanza.

È inumano che si dimentichi l’affetto e la compagnia donata ai loro padroni durante i lunghi mesi trascorsi chiusi in casa.

Bisogna portarli con noi sempre, anche in vacanza!

Mancanza di civiltà e arretratezza culturale sono all’origine dell’abominevole fenomeno dell’abbandono degli animali.

È un gesto incivile ma anche un reato, perseguito in Italia ai sensi dell’art.727 del Codice penale, con l’arresto fino a un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Rappresenta la causa primaria del randagismo, con importanti conseguenze dal punto di vista igienico-sanitario e sociale, tra cui i numerosi incidenti stradali causati dal vagabondare degli animali abbandonati.

Il lavoro su pellicola è disponibile su tutti i social e il progetto grafico di locandina è realizzato da Ilaria Del Giudice.

Commenti

Translate »