Quantcast

Gianluigi Donnarumma spiega la non esultanza sul rigore decisivo

Gianluigi Donnarumma spiega la non esultanza sul rigore decisivo

Il portierone della Nazionale, nominato miglior calciatore di Euro 2020 e fresco acquisto del PSG, ha anche mandato un messaggio d’amore ai tifosi del Milan.

Gianluigi Donnarumma spiega la non esultanza sul rigore decisivo

Gigio Donnarumma

Per il portierone campano di origini stabiesi l’ Euro 2020 è stato una vera e propria consacrazione a livello mondiale, non solo europeo, tanto da essere addirittura votato miglior calciatore dell’intera manifestazione, soprattutto grazie alle sue ecisive parate  sui calci di rigore contro la Spagna in semifinale e l’Inghilterra in finale, che ne fanno un degno erede di Gigi Buffon, anzi, anche superiore, visto che il suo predecessore di rigori non ne ha parati molti in carriera.

Purtroppo Gigio, come viene soprannominato da tutti, dopo sei anni di carriera al Milan non proseguirà la sua carriera in Italia, in quanto attirato in maniera decisiva dalle sirene a suon di milioni di euro del Paris St. Germain. Ieri sera però a Sky Sport, nel corso della festa azzurra per le strade di Roma, ha rilasciato una dichiarazione d’amore rivolta ai tifosi rossoneri: “Il PSG? Vediamo in questi giorni, parlerò di tutto. Posso dire che sarò sempre legato al Milan e ai suoi colori, farò sempre il tifo per loro. Ringrazio chi mi ha donato affetto, spero di averlo ripagato”.

Poi Donnarumma ha spiegato la sua non esultanza dopo il rigore parato a Bukayo Saka, rivelatosi decisivo per il trionfo italiano agli Europei: “Dopo l’ultimo rigore non ho esultato perché non avevo capito di aver vinto. Ho subito guardato l’arbitro per vedere se il VAR aveva dato l’ok, poi ho visto i miei compagni correre verso di mePallone d’Oro? Ne sento parlare, ma non ci penso“.

Commenti

Translate »