Quantcast

Giallo a Cava de’ Tirreni: imprenditore morto in casa

Giallo a Cava de’ Tirreni: imprenditore morto in casa. Ce ne parla Simona Chiariello in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

È giallo su un noto imprenditore di tessuti e confezioni cavese, morto sabato sera nella sua casa. Dopo la constatazione del decesso, da parte dei sanitari del 118, per arresto cardiaco. Il magistrato di turno ha disposto prima il sequestro della salma e poi l’autopsia che sarà eseguita nelle prossime ore. I carabinieri della tenenza locale e del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, guidati dal colonnello Rosario Di Gangi, hanno trovato nel suo appartamento elementi tali da motivare l’esame autoptico per risalire alla causa della morte. Le bocche restano cucite anche se sono state escluse segni di violenza sul cadavere o di effrazione in casa.

IL PERSONAGGIO A quanto appreso, al momento del malore l’uomo, L.F. sessantenne cavese, era in compagnia di un amico. La notizia della sua morte è stata accolta con grande dolore in città e non solo. Primogenito di una famiglia molto conosciuta in città, oltre alla sua attività imprenditoriale che lo aveva portato a realizzare un vero e proprio marchio, era la sua personalità ed il suo carattere ad averlo fatto conoscere ed amare a Cava, come a Salerno e Roccaraso dove lui abitualmente trascorreva le sue pause dal lavoro. Ora familiari ed amici attendono gli esiti dell’autopsia per conoscere la verità sulla sua morte. Per ora le uniche certezze sono legate agli ultimi attimi della sua vita quando sono stati allertati i soccorsi. L’uomo sarebbe stato colto da malore sabato sera e l’amico che era con lui ha allertato il 118. Quando sono giunti sul posto, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. I carabinieri hanno da subito eseguiti alcuni accertamenti ed hanno escluso segni di violenza sul corpo della vittima e effrazioni in casa. A quanto si apprende anche i vicini di casa sono accorsi in aiuto, allarmati dalle urla dell’amico. Alla scena straziante ha assistito anche il figlio ventenne. Dopo gli accertamenti dei carabinieri, la salma è stata trasferita presso l’obitorio cittadino. Nelle prossime ore si saprà dove sarà eseguita l’autopsia e soprattutto quando. Solo un paio di anni fa, l’uomo ha perso il fratello minore, stroncato da un male incurabile. L’uomo lascia due figli, un maschio ed una femmina, avuti da due relazioni diverse. La città è sotto choc per la notizia della sua morte. Su facebook si sono susseguiti messaggi e post dedicati a lui. In tanti ricordano il suo carattere esuberante, il suo sorriso e la sua allegria contagiosa. Diverse le sue passioni: dal lavoro che ama come una sua creatura, alla montagna con Roccaraso come sua seconda casa, alla musica da piano bar e alla bicicletta che lo portava a percorrere negli ultimi tempi anche lunghi tragitti sempre con il sorriso stampato in viso e un’aria un po’ scansionata. Nei prossimi ore la verità sulla causa della sua morte.

Commenti

Translate »