Quantcast

De Luca parla di Covid , ma la Regione Campania non fa aumentare le corse della SITA in Costiera amalfitana

Il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca da Napoli giustamente tuona contro i cittadini colpevoli ora di non rispettare le misure di contagio contro il coronavirus Covid – 19 , ora di non vaccinarsi, ma nella sua Salerno e in Costiera amalfitana l’Ente che Governa non fa nulla per far si che diminuisca il rischio del contagio, ed i disagi ai turisti, con le corse della SITA che sono strapiene e con gli autisti, vittime sacrificali, costretti a combattere con i turisti che vogliono salire sui bus dove loro non possono far salire più di tanto, col rischio di sovraffollamento e rischio di contagio, cosa che avviene con tutti i mezzi di trasporto pubblico basta guardarsi intorno. Oltre ai rischi disagi che non fanno bene al turismo e all’immagine del paese, come i turisti ammassati, spesso alla Sponda, con o senza la pioggia. Non solo, scene di assalto alla diligenza alla Chiesa Nuova, per i bus di Amalfi o Sorrento, poche corse, orari limitati, con un momento di punta di turisti, per fortuna, da noi? C’è qualcosa che non quadra, si predica bene e si razzola male? Ma poi siamo curiosi dei soldi che si erano stanziati proprio per potenziare i trasporti pubblici che uso se ne sia fatto, milioni di euro dati a chi, come e perchè? Ci ricordiamo bene che furono presi impegni anche con altre società per il trasporto scolastico, che poi non è mai stato istituito veramente, visto che le scuole chiudevano in continuazione. Questi soldi sono stati regalati e a chi e come? E ora con l’impennata di contagi che ci vuole ad aumentare le corse, che poi porterebbero anche incassi, non a caso la linea della Costiera amalfitana è la più fruttuosa che ci sia, ricordo che in una nostra inchiesta, quando avevamo il tempo di fare inchieste, i ricavi venivano in qualche modo finalizzati a coprire qualche corsa “politica” nell’interno o nel Cilento.  Per i trasporti , pubblici o privati, la Costiera è una mucca da mungere,  i maggiori incassi non sono mai serviti a migliorare il servizio, per esempio togliere il bigliettaio è stata una scelta scellerata, a parte che a volte un turista sitrova incolpevolmente sprovvisto di biglietto, è un utile aiuto nel caso di blocco del traffico, una sicurezza in più per il conducente e per gli stessi viaggiatori. Più si guadagna, più si peggiora, e ora col Covid, al di là dei proclami,  e di qualche insufficiente collegamento in più, è ancora peggio. Insomma in parole povere, perchè non si creano le condizioni per evitare al minimo i contagi e migliorare un servizio che è la cartolina turistica della Costiera ?

Commenti

Translate »