Quantcast

Cava de’ Tirreni: Parco Falcone e Borsellino senza recinzioni, il sondaggio

Cava de’ Tirreni: Parco Falcone e Borsellino senza recinzioni, il sondaggio. Ce ne parla Valentino Di Domenico in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Eliminare le recinzioni che delimitano il Parco Falcone e Borsellino di viale Crispi. È questa la proposta che l’amministrazione comunale di Cava de’ Tirreni intende sottoporre all’attenzione della cittadinanza cavese che sarà chiamata ad esprimersi attraverso un sondaggio che sarà lanciato nei prossimi giorni. L’idea è stata lanciata nei giorni scorsi dal primo cittadino Vincenzo Servalli che già sogna una villa comunale in stile Central Park. «Nel 2021 hanno ancora un senso queste cancellate che circondano il parco Falcone e Borsellino, o è giunto il momento di aprire questo spazio alla città come accade nelle più grandi e civilizzare realtà europee, dove questi polmoni verdi sono liberamente fruibili e affidati al controllo sociale e alla cultura dei cittadini? è l’interrogativo che si è posto il sindaco Servalli insieme a tutta l’amministrazione – Con questo sondaggio, che non ha una valenza scientifica, vogliamo sondare il pensiero dei nostri concittadini su questo argomento». Nei prossimi giorni da Palazzo di Città sarà lanciato il quesito sui social. «Avvieremo un sondaggio pubblico ha proseguito il sindaco Servalli e chiederemo ai cavesi se ha un senso oppure no eliminare queste recinzioni e quindi restituire alla città, ventiquattro ore su ventiquattro uno spazio fondamentale per la socialità nel cuore del centro storico, ovviamente con un adeguato sistema di videosorveglianza per garantire maggiore sicurezza ai fruitori».

LA STORIA La villa comunale di viale Crispi fu inaugurata nel 1865, negli anni in cui la città metelliana era una delle mete preferite del Grand Tour, ed era tutta circondata da un muro di protezione. Successivamente, con la realizzazione del Teatro Verdi, fu eliminato ogni tipo di recinzione che fu rifatta soltanto a metà del secolo scorso. Già si preannuncia un confronto serrato tra i favorevoli e contrari. Intanto è partita ieri sera la nuova sperimentazione dell’isola pedonale sull’area di piazza Abbro. Dalle ore 20.30 di sabato alla mezzanotte di domenica, tutti i veicoli provenienti da piazza Vittorio Emanuele II potranno percorrere esclusivamente viale Crispi o via Rosario Senatore. «Una unica zona a traffico limitato – afferma l’assessore alla viabilità, Germano Baldi – che renderà un unico percorso pedonabile piazza Vittorio Emanuele III e piazza Abbro, fino a raggiungere il parco Falcone e Borsellino, e permetterà una viabilità più fluida perché non interrotta dai continui attraversamenti su via Cuomo e piazza Abbro, più sicurezza e più possibilità anche per i locali della movida, senza nuocere alle attività commerciali di vicinato».

Commenti

Translate »