Quantcast

Cava de’ Tirreni in lutto per l’addio ad Alfonso Vitale

Cava de’ Tirreni in lutto per l’addio ad Alfonso Vitale. A raccontarcelo è Lara Adinolfi in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

«Vai e colora il paradiso», «quando alzerò la testa al cielo, tra i colori di Dio, ci saranno anche i tuoi», «spero che tu possa dipingere le volte del cielo», «sentirò la tua presenza nelle tue opere». Sono alcuni dei tanti messaggi che i cavesi hanno affidato al web per salutare Alfonso Vitale, scomparso prematuramente. Parole che si rincorrono in rete per ricordare l’artista che un infarto fulminante ha portato via, per sempre, dalla città dei portici. Uomo d’altri tempi, Alfonso era molto stimato. Era un vero e proprio «pezzo di storia». Nato a Cava de’ Tirreni il 20 novembre del 1950, si era diplomato al liceo artistico di Salerno ed aveva studiato all’Accademia delle Belle Arti di Napoli. «Conoscevamo Alfonso da quando, come lui, eravamo dapprima alunni del liceo artistico poi colleghi – sottolineano Pino Latronico e Loredana Gigliotti – Abbiamo partecipato a tante mostre. Sembra ora quando prendemmo parte nel 1988 all’Expo Art di Bari, con la sua galleria Il Cortile». Alfonso adorava il basket, fu docente di discipline pittoriche al liceo artistico di Salerno e collaboratore esterno dell’ente Sbandieratori Cavensi per cui aveva ideato il logo e la Torre della Pace. «Ho appreso da lui la voglia di inventare scrive Antonio Medolla del Centro Studi & Comunicazione Città de La Cava – Quante idee per i ragazzi della scuola di bandiera e poi per il Festival delle Torri. Il suo disegno stilizzato della torre adesso viaggia nel mondo come l’idea progetto per la Torre della Pace, che ha ricevuto nel 2016, dal sindaco di Cava, il patrocinio morale».

LE MOSTRELe opere di Vitale sono state al centro di numerose mostre a Cava de’ Tirreni. Tra le tante c’è la sua «Passione», conservata nella Cattedrale di S. Maria della Visitazione a Cava. È il Cristo del Sabato Santo, in un tempo sospeso dalla croce al sepolcro.

Commenti

Translate »