Quantcast

Caos ormeggi a Capri: più controlli all’ombra dei Faraglioni

Caos ormeggi a Capri: più controlli all’ombra dei Faraglioni. Ce ne parla Marco Milano in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Metropolis.

Grandi yacht e vip a Capri, mentre continuano i controlli a mare per contrastare “l’ormeggio selvaggio”. Ha fatto capolino nelle acque isolane il panfilo record “Rising Sun”, un’imbarcazione di quasi 140 metri con 82 camere su cinque piani, bagni con vasca idromassaggio, addirittura un campo da basket sul ponte principale e inoltre dotato di sauna, palestra, spa, cinema privato. Lo yacht costato oltre 200 milioni di dollari è oggi di proprietà di David Geffen, produttore americano fondatore della Geffen Records ed è solito ospitare a bordo i grandi nomi del mondo dello spettacolo e della canzone. A proposito di big della musica mondiale tour vacanziero nelle acque tra la penisola sorrentina, la costiera amalfitana e Capri per Sting. L’ex “Police” si è concello un break nel buen retiro de Li Galli con rapida escursione sull’isola azzurra, ben celato tra i turisti che affollano come di consueto nei mesi estivi le stradine capresi. E proprio per tutelare l’alto numero di viaggiatori che frequenta in questi giorni di alta stagione il centro di Capri che il gruppo consiliare “Capri Vera” ha inviato una nota chiedendo un pronto intervento su servizi igienici off limits. «Giungono segnalazioni – ha scritto il gruppo CapriVera – relative alle chiusure di due bagni pubblici situati in zone del centro molto frequentate.

Si fa riferimento in particolare ai bagni pubblici dei Giardini della Flora Caprese (che in venerale versano in uno stato di inaccettabile abbandono ed incuria, come già più volte segnalato da questo gruppo consiliare) e a quelli di Piazzale Europa.

La situazione segnalata sta creando non pochi disagi alla cittadinanza, ai turisti ed ai titolari delle attività adiacenti». Folla a terra ma anche a mare sullo scoglio caro all’imperatore Tiberio e continuano i controlli da parte delle forze dell’ordine che utilizzando i mezzi in dotazione stanno procedendo a provvedimenti e richiami nei confronti dei diportisti per il rispetto delle regole e delle norme di navigazione. Numerose le sanzioni elevate e in particolare a finire nel mirino degli inquirenti è il fenomeno di gettare l’ancora non rispettando la distanza dalla costa o in specchi acquei interdetti alla balneazione e al diportismo.

Commenti

Translate »