Quantcast

Angelus di Papa Francesco dal policlinico Gemelli dove è ricoverato: cure sanitarie accessibili per tutti

Più informazioni su

Questa mattina Papa Francesco ha recitato l’Angelus affacciato al balcone del decimo piano del Policlinico Gemelli dove si trova ancora ricoverato. Ed accanto a sé ha voluto alcuni bambini malati a fargli compagnia. Il Pontefice esprime la sua gioia nel poter mantenere l’appuntamento domenicale con i tanti fedeli che si sono radunati nello spiazzo antistante il nosocomio per ascoltare le parole del Papa e per manifestargli la propria vicinanza in questo momento di prova.

Nelle sue parole Papa Francesco rivolge un pensiero alle persone malate e sottolinea come un sistema sanitario che assicuri un buon servizio accessibile a tutti costituisca un bene prezioso che non va perso e che bisogna impegnarsi a mantenere.

Il Papa rivolge poi un ringraziamento per le tante manifestazioni di affetto ricevute in questi giorni: «Vi ringrazio tutti: ho sentito molto la vostra vicinanza e il sostegno delle vostre preghiere. Grazie di cuore! Nel Vangelo di oggi, l’evangelista Marco racconta la sollecitudine dei discepoli, inviati da Gesù, nei confronti dei malati: li ungevano con l’olio e li guarivano. L’olio è immagine del sacramento dell’Unzione dei malati, ma l’olio è anche l’ascolto, la vicinanza, la premura, la tenerezza di chi si prende cura della persona malata, lenendo così il suo dolore. Tutti noi, tutti abbiamo bisogno prima o poi di questa unzione della vicinanza e della tenerezza, e tutti possiamo donarla a qualcun altro, con una visita, una telefonata, una mano tesa a chi ha bisogno di aiuto. Ricordiamo che, nel protocollo del Giudizio Finale, una delle cose che ci domanderanno sarà la vicinanza agli ammalati».

E poi Papa Francesco ricorda l’importanza del diritto alla salute e di un servizio sanitario accessibile a tutti: «In questi giorni di ricovero in ospedale, ho sperimentato ancora una volta quanto sia importante un buon servizio sanitario, accessibile a tutti, come c’è in Italia e in altri Paesi. Un servizio sanitario gratuito che assicuri un buon servizio accessibile a tutti. Non bisogna perdere questo bene prezioso. Bisogna mantenerlo! E per questo occorre impegnarsi tutti, perché serve a tutti e chiede il contributo di tutti. Anche nella Chiesa succede a volte che qualche istituzione sanitaria, per una non buona gestione, non va bene economicamente, e il primo pensiero che ci viene è venderla. Ma la tua vocazione è in Chiesa: non è avere dei quattrini, è fare il servizio, e il servizio sempre è gratuito. Non dimenticatevi: salvare le istituzioni gratuite».

Non può non dedicare un pensiero ai bambini malati: «Qui ci sono alcuni amici bambini malati, perché soffrono i bambini? Perché soffrono i bambini è una domanda che tocca il cuore: accompagnarli con la preghiera e pregare per tutti i malati, specialmente per quelli in condizioni più difficili: nessuno sia lasciato solo, ognuno possa ricevere l’unzione dell’ascolto, della vicinanza, della tenerezza, e della cura».

Più informazioni su

Commenti

Translate »