Quantcast

Alla Gagosian Gallery di Roma in mostra i “tesori” di Damien Hirst foto

Roma – Alla Gagosian Gallery di Roma è il vulcanico Damien Hirst (Bristol, 1965) il protagonista della mostra “Forgiving and Forgetting” in programma dall’8 giugno al 7 novembre 2021. La personale, del capofila del gruppo conosciuto come YBAs, include opere di Hirst’s Treasures from the Wreck of the Unbelievable, un progetto caratterizzato da reliquie scultoree di un naufragio immaginario al largo delle coste dell’Africa orientale, che gioca a ritmo serrato con il tempo lineare, l’origine culturale e le percezioni di status e valore relativi mettendo in primo piano un racconto intricato d’imprese marinare e scavi marini. L’artista britannico, assurto alle cronache per il teschio tempestato di diamanti di For the Love of God (2007), mira a evocare sentimenti di meraviglia per la meticolosa fabbricazione fisica e concettuale di questi tesori d’arte. La serie presente nella galleria romana ha esordito nel 2017 con un gruppo di Treasures che includeva parodie di busti antichi e classici degli iconici personaggi della Disney, resi in una straordinaria varietà di materiali e spesso incrostati di colorate fioriture di corallo abilmente dipinte, come se fossero stati recuperati dal fondo dell’oceano. La mostra, Forgiving and Forgetting, segna un ulteriore ambizioso progresso nel lavoro di Hirst in cui le figure, immortalate in marmo rosa del Portogallo e bianco di Carrara, prendono vita in uno dei materiali più leggendari della storia dell’arte occidentale. Ogni soggetto scultoreo è scolpito nel suo marmo monocromo e assume la stessa solennità: la gestualità giocosa di Minni carica di coralli riecheggia, in un’altra parte della galleria, nella mano tesa della centauressa Hylonome, il cui genere statuario evoca sia il Barocco che la maestosa simmetria della scultura neoclassica francese: contaminazioni inaspettate tra antico e moderno. I Treasures di marmo di Hirst esemplificano il concetto di mitologia centrale in ogni tipo di cultura, sia aulica che popolare. Infine, in questa occasione, Damien Hirst presenta anche i suoi ultimi dipinti, della serie Reverence Paintings; tele che al monocromatismo alternano dinamiche macchie di colore e tocchi di foglia d’oro, che danno loro una nuova brillante e intensa vitalità, esaltando ancor di più gli impulsi espressionistici e puntinisti che hanno ispirato i suoi lavori più recenti.
a cura di Luigi De Rosa

Generico luglio 2021

Commenti

Translate »