Quantcast

Vico Equense: il paese delle carrozzine foto

Più informazioni su

Venerdì 4 giugno e sabato 5 giugno si è concluso il percorso rivolto alle scuole del territorio, denominato “Il paese delle carrozzine”, nell’ambito del più ampio progetto “Chi è il disabile?”, ideato e coordinato da Emilia Terracciano, Garante per le persone con disabilità del Comune di Vico Equense, e attuato in sinergia con l’Assessorato alle Politiche Sociali e l’Agenzia Contrappunto House of Books. “Il paese delle carrozzine” prende il nome dal racconto scritto da Luigi Falco e Gianni Baini, centrato proprio sui temi della disabilità e del confronto e inclusione. “Chi è il disabile?” (una persona) è un’iniziativa di sensibilizzazione del territorio, partita la scorsa estate con un sondaggio popolare finalizzato a recepire la sensazione, le emozioni, i pregiudizi della gente rispetto alle persone con disabilità e alle loro esigenze. Sondaggio da cui è emersa una forte volontà dei cittadini di superare le barriere, mentali e culturali prima ancora che fisiche, che impediscono una effettiva inclusione.

Il progetto è stato patrocinato dalla Città di Vico Equense e dall’Unione Ciechi e Ipovedenti sez. di Napoli e sostenuto dalla Commissione Comunale per le Pari Opportunità. Numerose sono state le collaborazioni da parte di realtà operanti sul territorio e non: Associazione “Oltre il Guscio”, Cooperative sociali “Il Delfino” e “La Locanda”, il Comitato “Vico Equense Senza Barriere”, la Fondazione Sinapsi di Cava de’ Tirreni, l’Associazione Disabili Gragnano, l’Associazione Sordi Campani, l’Associazione Amici della Musica “Santa Cecilia”. Un contributo è giunto anche dal Bar Ristorante Wembley, dall’associazione di settore A.CO.V.E. e dall’Istituto Alberghiero “De Gennaro”, con il coordinamento dei momenti di accoglienza durante gli incontri pubblici.

A ottobre, durante l’incontro pubblico tenuto alla sala delle colonne della SS. Trinità e Paradiso, è stato quindi presentato il percorso rivolto alle scuole, grazie al quale i ragazzi hanno letto il racconto ed effettuato degli incontri di scrittura emozionale. Nonostante la chiusura a causa del Covid, sono stati organizzati incontri on line con le classi di scuola media dell’Istituto Comprensivo Costiero e Istituto Comprensivo Caulino. Il risultato del percorso è stato condiviso con i ragazzi, i docenti e i Dirigenti Scolastici, alla presenza del Garante e dell’assessore alle politiche sociali, Franco Lombardi.
L’iniziativa è stata realizzata dall’agenzia letteraria Contrappunto House Of Books.

L’esperienza concretizzata nelle scuole ha contribuito a promuovere nei ragazzi un sentimento di appartenenza alla comunità e un nuovo senso di responsabilità nei confronti di chi vive una condizione che, per quanto particolare, non può e non deve inficiare lo svolgimento delle attività di vita quotidiana né la realizzazione degli obiettivi personali, professionali e sociali.
 

Più informazioni su

Commenti

Translate »