Quantcast

Vaccinazioni per i maturandi: prenotazioni a rilento da parte degli studenti delle scuole superiori della Campania

Più informazioni su

Vaccinazioni per i maturandi: prenotazioni a rilento da parte degli studenti delle scuole superiori della Campania che frequentano l’ultimo anno di corso chiamati a imbracciare lo scudo antiCovid prima di sostenere l’esame di maturità da svolgere, in presenza, a partire dal 16 giugno. Dei 78.670 studenti di età compresa tra i 17 e i 20 anni residenti in Campania (41.517 solo a Napoli e provincia) alle 20 di ieri sera, a distanza di 46 ore dall’apertura del portale regionale Soresa, si sono fatti avanti, compilando i moduli della prenotazione, in circa 22 mila. Di questi 2.805 a Napoli città (su una platea di circa 21 mila), 3.798 a Napoli 2 nord (su circa 6 mila), 4.430 sul territorio della Asl Napoli 3 sud (a fronte di 15 mila candidati). La scarsa adesione del capoluogo (escluse le province) sarebbe da mettere in correlazione con alcune migliaia di ragazzi già intercettati nell’ambito della categoria dei care-giver.
IL VIA
«Nella fascia dai 18 ai 20 anni – avverte il direttore generale della Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva – ne abbiamo vaccinati circa 4.200». Proprio a Napoli si inizia già domani: somministrazioni concentrate all’hangar dell’Atitech a Capodichino che con una capacità di 6mila punture al giorno è in grado di esaurire tutto in mezza giornata. Si usa ovunque il monodose della Johnson & Johnson (Pfizer solo per eventuali fragili e minori di 18 anni). Intanto nelle altre province, sempre alle 20 di ieri, a Salerno si sono prenotati 4.397 studenti, 3.067 a Caserta, 1.974 ad Avellino e 1.172 a Benevento. La piattaforma di prenotazione resterà aperta ancora per qualche giorno, fino ad allora sarà possibile inserire di giorno in giorno i nuovi studenti da vaccinare, poi scatterà la chiusura.
Un’opportunità e una finestra importante per i giovani inserita nella programmazione ordinaria delle vaccinazioni in corso in ciascuna Asl: anche se dal 3 giugno i portali di adesione delle regioni dovranno aprire a tutti senza più alcun vincolo di età. Ma la macchina delle inoculazioni andrà avanti sempre dando la precedenza a chi ha più anni e considerando che ci sono da completare ancora i gruppi di 60-69 anni, quelli di 50-59, 40-49 per essere richiamati a vaccinarsi i diciottenni, se non proprio settembre, dovranno comunque attendere ancora un mese o due col rischio di dover rientrare dalla vacanze estive e di affrontare a mani nude un periodo di intensa socialità. Basterebbe questa considerazione per spingere in massa tutti i 78 mila maturandi campani a collegarsi in piattaforma e vaccinarsi in questa settimana.
I DUBBI
I motivi di perplessità rimandano invece all’utilizzo del vaccino Johnson & Johnson che come Astra Zeneca utilizza un virus vettore che nell’immaginario collettivo è diventato sinonimo di maggiori rischi rispetto ai farmaci a mRna (Pfizer e Moderna). «Oggi vaccineremo tutti i prenotati – spiega il manager della Asl Napoli 2 nord Antonio D’Amore – e andremo avanti mercoledì con gli altri che si aggiungeranno fino al 3 o al 4 giugno, non oltre. È preferibile vaccinarsi quanto prima possibile per neutralizzare lo stop di eventuali rarissimi effetti collaterali limitati a rialzi termici. Esortiamo tutti a programmare la vaccinazione. Useremo i punti vaccinali di Pozzuoli, Frattamaggiore e Giugliano. Johnson & Johnson è sicuro ed efficace oltre che maneggevole per via della singola dose. Lo abbiamo utilizzato a tappeto per i turisti su Ischia, gli addetti delle attività economiche (anche Kiton), i marittimi senza alcun problema di nessun tipo. Basta collegarsi al sito della sorveglianza della farmacovigilanza e si vedrà che le percentuali di effetti collaterali sono addirittura più alte con Pfizer e Moderna. Anche Astra Zeneca viene considerato a torto più rischioso. Da medico dico che i vaccini sono tutti efficaci e sicuri e i non vaccinati saranno l’unica categoria a rischio di ammalarsi». La Asl Napoli 3 sud – fa infine sapere il direttore sanitario aziendale Gaetano D’Onofrio – impegnerà i 32 punti vaccinali in grado di smaltire in 1 o 2 giorni tutti i giovani che si sono prenotati.

Più informazioni su

Commenti

Translate »