Quantcast

Tonino Cannavacciuolo torna a casa

Più informazioni su

Oramai è quasi fatta , fra poco si aprirà la struttura di charme a Ticciano di Vico Equense , in questi giorni un sopralluogo del celebre chef che continua a mietere successi dalla sua Villa Crespi , Positanonews ha seguito in anteprima tutti i lavori e oggi Luciano Pignataro grande prima firma del Mattino oltre che fra i primi son solo il Campania ma in Italia come blog enogastronomico ne fa un quadro.
Il successo in tv non ha fatto deragliare il percorso di Antonino Cannavacciuolo che, appena terminate le riprese di Masterchef, tornava il prima possibile a Villa Crespi per il servizio serale. Sul lago d’Orta c’è il cuore della sua attività da oltre 20 anni. Senza dimenticare però Ticciano, la frazione di Vico Equense dove è nato. Ed è così che dopo la Pandemia Tonino e la moglie Cinzia preparano due clamorose aperture estive: LAQUA by the Lake a Pettenasco sulle rive del Lago d’Orta e LAQUA Countryside nella Terra delle Sirene. Una scossa necessaria in un momento in cui la pluricelebrata ristorazione della Penisola Sorrentina sembra essere un po’ in affanno di visione. «Sul Lago d’Orta apriamo a breve, a Ticciano speriamo entro luglio, i lavori sono quasi terminati». Manca il solito allaccio Enel, a quanto pare una delle cose più difficili da ottenere in Italia per chi apre un’attività.
C’è attesa per il ritorno di Tonino che ha formato una squadra fortissima a partire dalla sala, dove ci sarà il suo amico d’infanzia Edoardo Buonocore, anche lui della stessa frazione: uno dei più brillanti e infaticabili uomini di sala della Campania, ai vini Antonio Indovina, finalista al campionato del miglior sommelier della Campania organizzato dall’Ais. Sarà una cucina di grande tecnica ma anche di gola, magari portando un po’ di Nord al Sud dopo aver portato l’orto-mare della Penisola sulle rive del lago a Villa Crespi. Ma sarà anche una rivoluzione culturale: «La nostra azienda ha complessivamente 170 dipendenti a cui ho anticipato la cassa integrazione durante la Pandemia. A me non manca il personale, manca probabilmente a chi non ha maturato un giusto rapporto di lavoro che ha fatto spaventare e scappare tanti ragazzi. Non ci può essere grande cucina senza una azienda in regola e moderna e viceversa. Proprio oggi abbiamo fatto la prima busta paga per il nostro parcheggiatore di Ticciano».
Un segnale preciso, asticella sempre alta, basta con la figura del parcheggiatore non regolarizzato che viene a chiedere qualche moneta dopo la cena. «Tutto va fatto – dice Tonino – per bene, non bisogna mollare, non bisogna adagiarsi, le scorciatoie sembrano facili percorsi ma spesso ti lasciano in un vicolo cieco». L’arte di arrangiarsi crea folklore e può essere fonte di innumerevoli racconti divertenti, ma senza organizzazione e rispetto delle regole nel mondo moderno si resta indietro, non si diventa leader.
Cannavacciuolo è in uno stato di grazia. L’asta Star 4 children organizzata dalla Michelin lo ha visto protagonista assoluto: il percorso culinario per due persone a Villa Crespi, è stato battuto per 4900 euro. Forse il segreto è che il suo personaggio televisivo non è artefatto, ma riflette un professionista rigoroso, pignolo, con tanta gavetta alle spalle che valorizza con la simpatia e tanto cuore. Quello che batte a Ticciano.

Più informazioni su

Commenti

Translate »