Quantcast

San Giovanni Battista, la preghiera e le usanze e rituali

Più informazioni su

    San Giovanni Battista è uno dei santi più conosciuti e venerati al mondo. La Natività cade proprio oggi 24 Giugno, a sei mesi precisi da Natale, la nascita di Gesù e tre mesi dopo l’annunciazione.

    Giovanni Battista è l’unico santo, oltre la Madre del Signore, del quale si celebra con la nascita al cielo anche la nascita secondo la carne.

    San Giovanni Battista è stato il più grande fra i profeti perché poté additare l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo. La sua vocazione profetica fin dal grembo materno è circondata di eventi straordinari, pieni di gioia messianica, che preparano la nascita di Gesù.

    Giovanni è il Precursore del Cristo con la parole con la vita. Il battesimo di penitenza che accompagna l’annunzio degli ultimi tempi è figura del Battesimo secondo lo Spirito.

    In suo onore i fedeli recitano una preghiera molto sentita:”San Giovanni Battista, che fosti chiamato da Dio a preparare la via al Salvatore del mondo e invitasti le genti alla penitenza e alla conversione, fa’ che il nostro cuore sia purificato dal male perchè diveniamo degni di accogliere il Signore. Tu che avesti il privilegio di battezzare nelle acque del Giordano il Figlio di Dio fatto uomo e di indicarlo a tutti quale Agnello che toglie i peccati del mondo, ottienici l’abbondanza del doni dello Spirito Santo e guidaci nella via della salvezza e della pace. Amen”.

    Quante usanze e quanti rituali abbiamo al Sud Italia, e in Campania, , derivati spesso da superstizioni e leggende, come quella che riguarda il giorno in cui si celebra la festa di San Giovanni Battista.

    Nella provincia di Salerno e Napoli fra Costiera amalfitana e Penisola Sorrentina Fino a poco tempo fa, in Costa d’Amalfi e Sorrento , c’era l’abitudine di non fare assolutamente il primo bagno a mare prima del 24 Giugno.

    Ma perchè questa strana usanza?

    La leggenda antica narra che nella notte del giorno di San Giovanni Battista una trave di fuoco scende del cielo e riscaldi magicamente l’acqua, rendendola più ospitale, specie per le persone anziane, per le quale solo dopo il 24 Giugno iniziava così l’estate.

    La leggenda racconta anche oltre alla trave di fuoco, dal cielo cadono anche dei pezzi di carboncino, che venivano poi ritrovato il giorno dopo nel terriccio della vegetazione.

    Il detto, a proposito, dice proprio così: “care ò trave è fuoco a mare”.

    E ancora un altro proverbio cita: “San Giuvann’ vò tre muort’ l’anno, uno acciso, uno scapezzato ed uno affogato”. Quindi bagno vietatissimo.

    Secondo altri, la caduta della trave di fuoco rappresenta la discesa dello Spirito Santo nel mare e, quindi, il giorno del santo è il giorno adatto per farsi il bagno immergendosi così nell’acqua benedetta da San Giovanni Battista.

    Quanti bimbi e quanti ragazzi, anni addietro, sono stati bloccati da genitori e nonni nel fare il primo bagno nell’acqua marina, per colpa di questo mito.

    E allora si attendeva trepidamente il momento propizio per andare alla spiaggia, rimanendo per giorni interi, anche molto caldi, a desiderare il mare.

    Forse all’epoca i grandi non avevano tutti i torti ad aspettare il giorno di San Giovanni Battista per permettere ai più piccoli di tuffarsi: in effetti l’acqua del mare nelle prime due settimane di Giugno è sempre un pò freddina, ed immergersi può portare a raffreddamenti, specialmente nei più giovani o nelle persone anziane.

    Quindi, come vediamo, le piccole leggende, hanno sempre un fondamento di verità.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »