Quantcast

Positano, un anno senza Antonio Pagano, l’indimenticabile “Zorro”

Positano. Un anno fa, il 19 giugno 2020, ci lasciava Antonio Pagano conosciuto da tutti come “Zorro”. Quella mattina la città verticale si svegliò con la notizia della scomparsa di uno dei suoi cittadini più amati e nell’aria, insieme all’immenso dolore, si respirava un senso di incredulità. Sembrava impossibile che il mitico “Zorro” se ne fosse andato via durante la notte, in silenzio, quando fino al giorno prima era stato per le strade della sua amata Positano.

Era un simbolo di Positano e per il suo paese, che tanto amava, era sempre pronto a dare tutto se stesso, partecipando con passione ed amore alla vita sociale ed ai momenti più importanti, sempre disponibile a dare il suo prezioso contributo nell’organizzazione di eventi e feste. E lo faceva non solo dispensando saggi consigli legati alla sua grande esperienza ma anche lavorando in prima persona durante le varie serate, prime fra tutte la “Sagra del Pesce” quando con le sue grandi mani si dedicava alla preparazione dei manicaretti da servire ai numerosi ospiti.

Era una persona dal cuore grande e dall’immancabile sorriso, un positanese doc e chi ha avuto l’onore ed il piacere di conoscere non potrà mai dimenticarlo.

E’ passato un anno dalla sua dipartita ma sembra ancora di vederlo in ogni angolo di Positano, tra le mille scale che percorreva ogni giorno, nel suo mare che tanto amava. Ancora adesso il suo ricordo provoca una stretta al cuore ed un dolore immenso nel pensare che non ci sia più. Da quel 19 giugno 2020 Positano è un po’ più povera ed i positanesi hanno perso un punto di riferimento e di esempio, uno scrigno di ricordi storici che “Zorro” non custodiva gelosamente per sé ma metteva a disposizione di tutti coloro che amavano intrattenersi con lui a chiacchiere e che da ogni incontro tornavano più ricchi e con qualche aneddoto da tramandare.

La nostra vicinanza in questo triste anniversario va in particolare all’amata moglie Teresa, ai figli Maria Pia e Giovanni ed alle adorate nipoti Miriana e Fabiana. Ci manchi “Zorro”, ci mancherai per sempre ma Positano non ti dimenticherà mai perché tu resterai uno dei suoi cittadini più belli.

(foto di Giuseppe Di Martino)

Commenti

Translate »